Dybala: "Meglio la Juventus che fare la quarta punta al Barcellona"

Dybala si candida per essere assoluto protagonista con la maglia della Juventus. La Joya vuole migliorare i 23 gol realizzati nella passata stagione

Paulo Dybala è uno dei calciatori più rappresentativi e importanti della Juventus di Massimiliano Allegri. La Joya ha dimostrato di essere un potenziale fuoriclasse ed ha ancora ampi margini di miglioramento. L'anno scorso, alla sua prima stagione in un grande club, ha messo a segno 23 reti in 48 presenze complessive e il suo obiettivo è quello di migliorarsi ulteriormente. Il classe 93, intervistato dall'emittente Radio Metro951, ha parlato delle Olimpiadi, di Dani Alves e di Gonzalo Higuain: "Avrei voluto giocare alle Olimpiadi, è stata una piccola delusione. Ho cercato di convincere la Juventus, era importante rappresentare il mio paese ma mi hanno detto che ne avrei risentito a livello fisico e non ho partecipato. La mega casa di Higuain? Questa storia è una bugia. Gonzalo abita vicino a me ed ha un normale appartamento. Non avrà preso bene gli ultimi insulti ricevuti sui social network e non ho voluto affrontare questo argomento con lui. Dani Alves? Da quanto c'è lui nello spogliatoio c'è più musica, ma sempre al momento giusto perché il nostro uno spogliatoio serio".

Dybala ha poi parlato di Champions League e della sfida contro il Siviglia, club in cui gioca il suo ex compagno al Palermo Franco Vazquez e dell'interesse passato nei suoi confronti da parte del Barcellona: "Ho chiamato subito il Mudo Vazquez. Gli ho detto che gli farò un tunnel. L’interesse del Barcellona? Era solo un’indiscrezione di mercato e io ho sempre detto che era giusto fermarmi a Torino: non mi piacerebbe essere la quarta punta lì. Il mio ruolo? Ora gioco nello spazio tra i difensori e i centrocampisti avversari e tendo a spostarmi più nella destra".