E adesso pubblicità

Si era detto: vogliamo finirla qui e parlare di calcio? Ma no, certo, come dice Ranieri basta buttare un amo e vedrai che Mourinho abbocca. Così ecco che ieri anche Spalletti si è messo in fila, è apparso sugli schermi Sky e non si è fatto pregare: «Mourinho? Non ne parlo, non voglio farmi pubblicità...». E tutti giù a ridere, giustamente: bella battuta, no? In realtà stiamo sempre aspettando la reazione indignata per il fatto che sabato sera Prandelli non s’è fatto vedere e ha mandato il direttore sportivo in sua vece, ma probabilmente la cosa è ormai dimenticata. Anche perché c’era da ascoltare Beretta: «Sono venuto io perché il mio vice non poteva». E giù di nuovo a ridere, mentre la D’Amico mandava la pubblicità. Ed in effetti Spalletti ha ragione: non si è capita la differenza.