Elliott ha in pugno il Milan: Yonghong Li abdica dopo solo 15 mesi

Yonghong Li non è riuscito a vendere il Milan a nessuno degli interessati all'acquisto. Il fondo americano Elliott prenderà in mano in via definitiva le redini della società entro le prossime 48-72 ore

Dopo soli quindici mesi il Milan cambierà ancora proprietario. Dopo la gloriosa era guidata da Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, che per 31 anni hanno rimpeito la bacheca di via Aldo Rossi, i tifosi rossoneri speravano in un rilancio con Yonghong Li dopo anni di vacche magre. In realtà, la nuova proprietà cinese del Milan ha disatteso le aspettative e ora entro 48-72 ore la società passerà in maniera defiinitiva nella mani del fondo americano Elliott. Yonghong Li, infatti, non è riuscito a vendere il Milan né a Rocco Commisso, né al miliardario russo Rybolovlev, numero uno del Monaco in Ligue 1. Il patron rossonero, tra l'altro, non è riuscito nemmeno a restituire i 32 milioni di euro anticipati da Elliott per l'aumento di capitale e questo debito si va ad accumulare al debito già preesistente con il fondo americano che finora ha tenuto in vita le casse del club rossonero.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, con Elliott proprietario il debito del Milan si azzererà con la società di via Aldo Rossi che avrebbe un valore reale di 370 milioni di euro (prestito dovuto al fondo americano più interessi). Pare che Yonghong Li, però, abbia voglia di portare la questione in Tribunale affermando come lui abbia pagato la società la bellezza di 740 milioni di euro e che quindi la si sta svalutando. Toccherà poi al Tribunale pronunciarsi stabilendo a chi tra le parti dvorà andre l'extra prezzo derivato da una futura rivendita. I due più accreditati per l'acquisto del Milan sono sempre l'italoamericano Rocco Commisso, già proprietario dei New York Cosmos, che sembra il più intenzionato a chiudere e la famiglia Ricketts proprietaria dei Chicago Cubs. Sicuramente entro le prossime 48-72 ore se ne saprà di più con Elliott che ha intenzione di sostituire tutto il managemente del Milan e gran parte del cda.

Commenti
Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 10/07/2018 - 00:12

Ahiahiahi, Silvio! La faccenda ti sta sfuggendo di mano?

Gianni11

Mar, 10/07/2018 - 02:41

Brutta notizia perche' il gruppo Elliot e' di Paul Singer, un miliardario usuraio sinistroide globalista tipo Soros della stessa tribu'. Era meglio il cinese.

rise

Mar, 10/07/2018 - 06:40

Nel 2011 ho sentito gridare da milanisti più rossi che neri, che Berlusconi se ne doveva andare. La parabola del renzismo è compiuta anche nel mondo del calcio, chiacchiere, delocalizzazione, arroganza, scarse capacità imprenditoriali ed ora il blasonato club in mano ad una finanziaria, chiaramente interessata a recuperare il proprio gruzzolo. Vedo in prospettiva un fallimento, ma è l' ennesima pennellata al quadro generale del "fallimento Italia".

Ernestinho

Mar, 10/07/2018 - 06:52

Ormai questo è il Calcio! E le Società saranno, inevitabilmente, portate al fallimento!

alfa2000

Mar, 10/07/2018 - 07:01

sembra di vedere De Benedetti.... tutto quello che tocca fallisce o finisce alle banche. ah poveri noi, alla faccia di zio Silvio, che tutto quello che tocca diventa oro

jenab

Mar, 10/07/2018 - 08:10

ottimo adesso portatela a New York

Ernestinho

Mar, 10/07/2018 - 12:35

Ma che calcio è questo?