Emerson, la figlia si sfoga: "Mio padre non mi vuole più vedere da tre anni"

La figlia dell'ex centrocampista di Milan, Juventus e Roma Emerson ha svelato come non abbia più rapporti con il padre: "Papà mi manchi veramente tanto, voglio il mio presente e il mio futuro con te al mio fianco"

Il centrocampista brasiliano Emerson nella sua lunga carriera ha vestito le maglie di Bayer Leverkusen, Roma, Juventus, Real Madrid e Milan. Il 42enne di Pelotas è stato anche un perno della nazionale verdeoro e ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo nel 2010, all'età di 34 anni. Nella giornata di ieri, però, Emerson è finito nel mirino della figlia Karolayne Alexandre che, ospite a Domenica Live, ha raccontato come non abbia più rapporti con il padre. Ecco le sue parole ripresa da Golssip.it: "Per me oggi è veramente difficile essere qui, perché non ne ho mai parlato e mi fa molto male. Ho sofferto tanto quando i miei genitori si sono separati, ero piccola e all’età di 11 anni mi sono sfogata sul cibo, fino ad arrivare a portare una taglia 42 da donna. Oggi non vedo mio padre Emerson da tre anni, di punto in bianco non è più venuto in Italia a trovarmi".

La figlia di Emerson ha poi continuato: "Come papà sono una sportiva, ho iniziato a giocare a tennis e faccio tornei a livelli internazionali. Lui però non mi ha mai appoggiata, per questo motivo un giorno mi chiamò per offrirmi un lavoro come segretaria del presidente della Fifa, ma rifiutai perché volevo continuare a giocare. Da quel momento non ho più saputo niente di lui". La ragazza, infine, ha voluto mandare un appello all'ex giocatore di Milan, Juventus e Roma: "Papà mi manchi veramente tanto, io penso che come il denaro non può comprare il tempo e l’amore delle persone, non posso credere che non nutri più amore nei miei confronti. Io veramente vorrei iniziare il mio presente e il mio futuro con te al mio fianco e non più lontani come è successo in questi tre anni".