Europei, Boateng: "La mia famiglia non verrà allo stadio"

Boateng: "La mia famiglia e i miei figli non verranno allo stadio, penso che i rischi siano troppo grandi"

Paura per la famiglia. E per i rischi che si potrebbero celare. Presente allo Stade de France il 13 novembre, il giorno degli attacchi terroristici a Parigi che sconvolsero la Francia, il calciatore tedesco Jerome Boateng (fratello del milanista Kevin Prince) non porterà la famiglia allo stadio in occasione degli Europei di calcio in Francia. "La mia famiglia e i miei figli non verranno allo stadio - ha detto a Sport Bild il difensore della nazionale di calcio campione del mondo -, penso che i rischi siano troppo grandi".

Boateng e la paura per la famiglia

E poi ancora: "È un peccato essere confrontati a un tale problema. Ma in questi ultimi tempi, sono successe troppe cose che fanno riflettere. Voglio potermi concentrare solo sul calcio giocato, e mi sentirò meglio se la mia famiglia non viene allo stadio". La nazionale tedesca giocherà di nuovo allo Stade de France il 16 giugno contro la nazionale della Polonia.