Inter, Frey: "Ho rischiato di morire per colpa di un virus"

Sebastien Frey, ex poritere di Inter, Genoa, Fiorentina ha svelato il suo dramma su Instagram: "La fortuna vuole che ho superato questa prova. Ora inizia una nuova sfida, tornare a camminare e tenere in braccio di nuovo la mia bambina"

Sebastien Frey ha appeso i suoi guantoni al chiodo nel dicembre del 2015. L'ex portiere in carriera ha vestito le maglie del Cannes, dov'è cresciuto, Inter, Verona, Parma, Fiorentina, Genoa e Bursaspor. Il 39enne francese è il terzo straniero che vanta più presenze in Serie A, con 446, alle spalle solo del sempre presente Javier Zanetti con 615 e dell'oriundo italia-brasiliano José Altafini che si era fermato a quota 459.

Frey è sempre stato un personaggio schietto, diretto e anche questa volta lo è stato sul suo profilo Instagram con un messaggio circa le sue condizioni di salute che ha spaventato i suoi tanti follower e tifosi: "Come avrete notato mi sono assentato dai social da un po’ per una ragione più che valida. Tre settimane fa sono stato ricoverato d’urgenza in ospedale perché avevo la febbre a 40 che non scendeva. Dopo vari esami mi hanno trovato un virus che piano piano mi ha completamente debilitato e che avrebbe potuto portarmi via da tutti voi".

L'ex portiere dell'Inter ha poi concluso con un messaggio di speranza e distensivo per tranquillizzare tutti: "La fortuna vuole che ho superato questa prova. Ora inizia una nuova sfida, tornare a camminare come ho sempre fatto e lavorare per poter tenere in braccio di nuovo la mia bambina. Ho sempre giocato per vincere e ora con determinazione e forza vincerò anche questa battaglia! Vi abbraccio tutti! Seba Frey".

[[

]]