FESTA, MUSICA E DONNEPrima lo strip-poker, poi il furto. Finisce male la serata a luci rosse delle Furie rosse

Sulla probabile serata allegra e sul furto subito a Recife dalla nazionale spagnola, la polizia brasiliana vuole vederci chiaro. Già 27 persone sono state ascoltate, il caso si è complicato quando il capo della sicurezza della nazionale spagnola, Raul Jimenez, e il responsabile delle relazioni con il pubblico dell'hotel, Eduardo Barbosa, hanno smentito il furto. Poco dopo però la Fifa ha invece confermato tutto. Dietro a questa storia ci sarebbe una serata allegra di alcuni giocatori a base di sesso, strip-poker e videotape, poi finita con il furto, dopo la vittoria sull'Uruguay.
Era stato ingaggiato un gruppo di musicisti per animare la festa nell'hotel, ma oltre a birra, caipirinha e musica, della serata ha fatto parte anche un gruppo di ragazze e cinque calciatori con un membro dello staff tecnico si sarebbero appartati con loro e la nottata sarebbe proseguita a base di strip-poker e sesso sfrenato. La mattina seguente erano spariti circa mille euro dei giocatori: «Hanno fatto baldoria e poi sono saliti in camera con alcune ragazze - ha raccontato un inserviente -. Se davvero c'è stato il furto, è successo sicuramente in quei momenti, quando sono andati in camera. Ma ora certamente tutti negheranno».

Commenti

yuri e mia

Mar, 25/06/2013 - 16:37

io gli darei 7 anni di galera e inibizione dai pubblici stadi...son personaggi pubblici anche loro...e perlomeno hanno consumato