Figc, Gravina: "La mia scommessa è quella di organizzare Euro 2028"

Il presidente della Figc Gravina ha parlato della possibilità di organizzare gli Europei del 2028: "Non possiamo non cogliere l'opportunità di un evento così importante"

L'Italia di Roberto Mancini ha in mente un solo obiettivo: qualificarsi per Euro 2020. Gli azzurri sono stati inseriti in un girone più che abbordabile, con Bosnia, Grecia, Finlandia, Armenia e Liechtenstein. Si partirà il 23 marzo del 2019 con la sfida ai finnici, tre giorni dopo si giocherà ancora in casa contro il modesto Liechtenstein. Le qualificazioni proseguiranno poi a giugno con la trasferta in Grecia e quella casalinga contro la Bosnia. A settembre si giocherà in Armenia e in Finlandia, mentre ad ottobre l'Italia ospiterà la Grecia e poi andrà a giocare in Liechtenstein. A novembre del 2019 si concluderà il tutto con Bosnia-Italia e con la sfida interna contro l'Armenia.

Questo è il calendario delle qualificazioni per qualificarsi ad Euro 2020 con Mancini e la Federazione che hanno però in mente anche il Mondiale del 2022 in Qatar, dopo il fallimento di Russia 2018. Gabriele Gravina, presidente della Figc, ai microfoni di Sky, ha deciso di parlare della sua grande scommessa, ovvero organizzare gli Europei di calcio del 2028: "La mia grande scommessa è quella di puntare all'organizzazione di Euro 2028. Sarà complicato convincere alcune autorità politiche e non solo a condividere questo percorso, però tutti insieme dobbiamo fare degli sforzi per rilanciare il nostro patrimonio delle infrastrutture sportive. Non possiamo non cogliere l'opportunità di un evento così importante".