Ford si pone al top con Vignale Evoluzione Opel

Protagonista il brand di lusso della Casa di Dearborn abbinato ai vari modelli La svolta «X» dei concorrenti

Massimo MambrettiFord approda sulle rive del lago di Ginevra con molte novità che, in sostanza, allargano i filoni su cui poggia l'attuale strategia commerciale a livello globale. Spaziano, quindi, dall'area cosiddetta One Ford, che prevede modelli adatti ad affrontare qualsiasi mercato mondiale, a quella della connettività, in continua espansione in ogni contesto del settore, a quella dei Suv, sino alle vetture ad alte prestazioni e del brand Vignale. Proprio quest'ultimo, in commercio dallo scorso anno, ispira l'atmosfera dello stand. In questo contesto accanto alla Mondeo Vignale debuttano due nuove proposte: la monovolume d'impronta sportiva S-Max e la Edge, Suv di grossa taglia che da questo periodo si pone al vertice dell'offerta di questo genere di vetture Ford in Europa. Le nuove componenti della famiglia Vignale proseguono il discorso da cui è scaturito questo brand.In sostanza, si tratta di un pacchetto composto tanto da elementi caratterizzanti per l'allestimento quanto dall'esperienza di acquisto e possesso che può offrire la scelta di vetture che si pongono al di sopra delle dirette consanguinee. L'evoluzione di Vignale propone anche un'inedita serie di servizi che si prefigge di valorizzare ulteriormente la customer experience e presenta un'interpretazione della Kuga. Ovviamente, è estrapolata dalla nuova generazione di questo modello, che si caratterizza per l'aggiornamento estetico, per il fatto che propone un'offerta di motorizzazioni ancora più efficiente, nella quale si colloca il turbodiesel Tdci 1.5 da 120 cv che sostituisce l'unità di 2 litri di analoga potenza, e per l'equipaggiamento arricchito da tecnologie avanzate, come il Sync 3: la nuova versione del sistema di connettività e comandi vocali sviluppata dall'Ovale Blu. La sfilata è completata dalle auto esposte nell'area Performance dove, accanto all'estrema Gt (dispone di oltre 600 cv) preparata per la 24 Ore di Le Mans e alla Focus Rs, si colloca anche l'evoluzione della Fiesta St200.Opel mostra la filosofia che ispira l'evoluzione della specie. Nello stand del Palexpo ecco, quindi, che si possono ammirare la Gt Concept, la Mokka X e la famiglia dell'Astra che s'arricchisce di una nuova componente, frutto dell'adozione di un nuovo performante motore. Le tre proposte, tra l'altro, indicano come il filone della sportività a tutto campo, quindi quello delineato sia dal piacere della guida e dalle prestazioni, sia quello dello stile di vita legato al concetto Suv & crossover, è attentamente seguito. Lo dimostra in maniera molto netta, sebbene si tratti di una show-car, la Gt Concept. È una sportiva che ha tutto quello che serve per affascinare gli appassionati di tutte le età con motore anteriore centrale e trazione posteriore.Discende direttamente dalla Opel Gt degli anni Sessanta e Settanta e dalla Monza Concept, presentata a Francoforte nel 2013. La Gt Concept introduce anche la prossima evoluzione della filosofia stilistica scultorea della Casa, che rinuncia a tutto quello che può alterare la forma pura. Un fattore che già affiora con la Mokka X, ovvero l'evoluzione del Suv compatto tedesco, che si distingue dal precedente anche per l'aggiunta della lettera X nella denominazione, destinata a identificare anche i futuri Suv e crossover del marchio.Esteticamente si riconosce per il look grintoso, la corporatura irrobustita da stilemi inediti e l'abitacolo completamente ridefinito, che premia anche l'ottimizzazione dell'ergonomia, e rifinito in maniera tale da esaltare la percezione del livello qualitativo generale. Rimanendo nell'ambito dei modelli di normale produzione, anche la famiglia Astra, neo «Auto dell'Anno», presenta delle novità. A Ginevra, infatti, debutta la versione spinta da un'inedita unità a gasolio con sovralimentazione a doppio stadio di 1.6 litri con 160 cv, quindi con la bellezza di 100 cv/l ma che promette consumi assai contenuti: 4,1 litri/100 chilometri. Infine, nella famiglia Astra arriva anche la versione Tcr da competizione, il cui motore turbo di 2 litri mette in campo 330 cv.