Formula 1, schieramento in griglia prolungato di 10 minuti in aiuto ai media

Liberty Media e FIA proseguono nell’opera di avvicinamento del Circus al pubblico: basteranno questi costanti ma piccoli accorgimenti?

Dieci minuti prima in pista: la serie di piccoli aggiustamenti apportati da Liberty Media alla Formula 1 prosegue con un altro tassello.

Che la comunicazione fosse un cardine per il nuovo gruppo americano, lo si era capito da tempo: pilota del giorno, scomparsa delle grid girl, maggior interazione sui social, tutti aggiustamenti atti a limare la forma più che la sostanza.

Nella giornata odierna con un comunicato della FIA stessa, è stato indicato come a partire dall’imminente Gran Premio del Canada, i piloti e i team dovranno sistemarsi in griglia in modo da rimanere dieci minuti in più rispetto alla proceduta adottata finora.

Attualmente la prassi prevede la chiusura della pit-lane 20 minuti prima del giro di formazione e, a seguire, la cerimonia degli inni: autovetture e relativi piloti dovranno fermarsi d’ora in avanti 10 minuti in più sulla griglia di partenza e prima dell’inizio degli inni, di modo da dare una maggior possibilità a giornalisti e tv di interagire con loro.

La cosa farà sicuramente piacere al pubblico, agli addetti al lavoro e a chi, come Hamilton, ha nelle comunicazioni social e non solo un punto forte. Per gli altri potrebbe invece essere un motivo maggiore di disturbo e distrazione, soprattutto con i climi particolarmente torridi o imprevisti dei mesi a venire.

Intanto Raikkonen, nelle prime interviste di questo weekend in Canada, si è barricato dietro un “no comment” riguardo la vicenda di molestie che lo vede coinvolto, ripiegando su alcune considerazioni come il ritorno delle gomme Hypersoft al sabato, non così veloci per la qualifica e più adatte al passo gara.

Nuovo traguardo per Fernando Alonso infine, che qui festeggia i suoi 300 gran premi in Formula 1: il ruolino personale lo vede quarto assoluto, con i soli Barrichello, Button e Schumacher ad aver fatto meglio di lui. Sperando che le voci di un suo abbandono a fine anno non risultino vere, le possibilità di raggiungerli rimane.

Commenti

cir

Sab, 09/06/2018 - 13:55

fate quello che volete .la ferrari spacca i motori , e finisce dietro a tutti-