Galliani-Lady B, è l'ora della spartizione

La Berlusconi si occuperà di marketing e nuovo stadio. Adriano resterà padrone del mercato. E riceverà la liquidazione a rate

Chissà, forse un giorno lo schema Milan, guida a due teste dell'azienda rossonera, ideato da Silvio Berlusconi per rimettere in traiettoria il club, può tornare utile anche in politica. Ma nel frattempo da oggi, incassati i 3 punti di Catania, può cominciare la fase più delicata della nuova epoca milanista. Perché Barbara Berlusconi e Adriano Galliani devono sedersi al tavolo della nuova sede del Portello per definire con precisione le deleghe rispettive. Scontate quelle del manager brianzolo: si occuperà a tempo pieno della squadra, del mercato, oltre che delle materie da sempre trattate e nelle quali anche i rivali gli riconoscono una grande competenza, cioè la rappresentanza politica in Lega e i diritti tv. Altrettanto note le "simpatie" di Barbara Berlusconi per l'area commerciale cui potrebbe aggiungere il dossier nuovo stadio oltre che il controllo di Fondazione Milan, società già sottoposta alle cure della sorella Eleonora. In sospeso il controllo dell'ufficio stampa che qualche grattacapo di recente ha procurato per le frizioni con Allegri. Recuperato il rapporto personale tra i due, l'intesa non è complicata da guadagnare. A dispetto della perdita del controllo assoluto del Milan, nella nuova versione Adriano Galliani manterrà lo stesso profilo avuto fino al 3 novembre, fedeltà assoluta al presidente Silvio Berlusconi. «Ho fatto come Garibaldi: ho detto obbedisco» la battuta riferita sabato notte ai cronisti milanesi a Catania. E infatti, uscendo col sorriso delle domeniche spensierate dallo stadio di Catania, si è cucito la bocca. «Sono stato sovraesposto in questi ultimi giorni», la spiegazione. Tantissimi infatti gli attestati di stima. Si è fatto vivo persino Ibrahimovic che non sentiva dal giorno della cessione al Paris St.Germain. Dovrà designare il sostituto di Ariedo Braida, prima dg e adesso ds: il nome più ricorrente è quello di Sean Sogliano, ora al Verona, figlio di Riccardo, che fu anche calciatore del Milan, era Buticchi. Al lavoro anche Bruno Ermolli, incaricato di preparare i conteggi della liquidazione che sarà versata a rate durante il periodo in cui Galliani rimarrà al fianco di Barbara.

Commenti

ciaciaron

Lun, 02/12/2013 - 11:58

Era meglio fare il contrario. Lady B ci sa fare di più coi calciatori.

viento2

Lun, 02/12/2013 - 14:00

ciaciron- mica Galliani è gay x forza che una donna ci sappia fare di più con gli uomini comunque hai fatto la battuta del secolo

berserker2

Lun, 02/12/2013 - 15:21

Ha fatto tutta una finta il vanaglorioso, arrogante e incompetente Gallino. Ma che dignità hai? Hai capito che un altro posto non lo trovavi e hai fatto a finta di anteporre il "bene supremo della squadra....". Ma che cialtrone, Barbara ti ha preso a pesci in faccia (ed è stata abbastanza delicata) limitandosi semplicemente a dire la verità su di te, in ogni caso l'affronto era stato recapitato, poi è bastata una carezza del Padrone, un osso gettato a terra e scodinzolante come sempre il geometra calciofilo si è messo a cuccia! Ancora a fare danni come da 30 anni a questa parte, tanto coi soldi degli altri sò bravi tutti a fare cazzate senza pagarne il conto dopo. Proprio senza dignità eh! CARI MODERATORI, lo pubblicate per favore