Germania-Argentina le probabili formazioni e le ultime news

Ai Mondiali 2014 scocca l'ora della finale. Nella splendida cornice del Maracanà si affrontano Germania ed Argentina, ed ognuna della due spera di portare a casa il titolo, che sarebbe il terzo per l'Albiceleste ed il quarto per i panzer. La direzione di gara affidata all'italiano Nicola Rizzoli. Brasiliani che, nella speranza di evitare l'ultima beffa, tifano compatti per i Tedeschi

Germania-Argentina, ultimo atto del Mondiale dei Mondiali

Germania – Argentina è la finale dei Mondiali 2014, quelli che dovevano vedere il successo del Brasile nell'edizione di casa, e che invece hanno visto i Verdeoro ai piedi del podio, sconfitti pesantemente ed umiliati in semifinale dalla Germania ed in finale dall'Olanda. Le due formazioni si avvicinano all'evento conclusivo della manifestazione con grande sicurezza e con la forza dei loro campioni. In conferenza stampa entrambi gli allenatori si sono detti fiduciosi di portare in Patria la Coppa del mondo, che si sono già disputata due volte tra loro con una vittoria argentina nel 1986 in Messico e l'immediata rivincita tedesca nel 1990 in Italia.

La maggior parte dei quotidiani sportivi mondiali presenta la Germania come netta favorita, sia per il percorso di tutto il mese di gare che per la dimostrazione di potenza data nella semifinale contro i padroni di casa; l'ultimo scontro diretto tra le due formazioni al mondiale risale al 2010, e finì con un rotondo 4 – 0 proprio a favore dei Tedeschi, ed a quella gara hanno fatto riferimento entrambi i tecnici durante le loro interviste, con Sabella che ha dichiarato che la sua squadra è più scaltra ed esperta rispetto a 4 anni fa, e Loew che riconosce questa diversità della formazione argentina, ma che è sicuro basti una finale giocata "da Germania", per portare a casa la coppa.

Il c.t. dell'Albiceleste fa leva anche sull'orgoglio dei suoi giocatori, dichiarando che la vittoria nella Coppa del mondo è importante non solo per il calcio argentino, ma per tutta la Nazione. Da parte dei tifosi c'è stata una grande risposta e, dopo la semifinale, a Rio de Janeiro si sono riversati migliaia di Argentini, tutti alla caccia di un biglietto per assistere alla finale. I tifosi, però, non scendono in campo e quindi la gara con la Germania fa paura alla formazione sudamericana, che oltre alla eliminazione del 2010, ricorda anche quella ai rigori di 4 anni prima, quando il Mondiale si disputò in terra tedesca.

Sabella, che lascerà il ruolo di c.t. dopo la fine del mondiale, ma non ne vuole parlare in questo momento, si affiderà ancora una volta alla solidità dell'undici che ha battuto l'Olanda in semifinale, puntando molto sulla classe di Messi, ma anche sulla solidità di un centrocampo dove comanda il blaugrana Mascherano, pronto ad innescare le folate offensive dei vari Higuain e Lavezzi. Selezionatore sudamericano che  ritrova parzialmente anche Di Maria, che dopo l'infortunio torna almeno in panchina e sembra pronto a giocare, se necessario, uno spezzone di gara.

Löw sa di essere favorito, ma non molla la presa e mette in guardia i suoi dalle possibili giocate degli Argentini, raccomandando una prestazione "da Germania", ed una mentalità propositiva. I Tedeschi vogliono prendere in mano la gara come hanno fatto con il Brasile ed imporre il loro ritmo. In questo momento si trovano a memoria in campo ed hanno la convinzione di poter vincere, In caso di vittoria sarebbe anche la prima volta nella storia di una nazionale europea in Sudamerica. Anche l'allenatore tedesco è intenzionato a schierare la stessa formazione che ha iniziato la gara con il Brasile, contando sulla verve offensiva di Muller e Klose e su un centrocampo che con Kroos , Khedira e Schweinsteiger sembra superiore a qualsiasi altro. In difesa Hummels non è al meglio ma sarà in campo, con eventuale sostituzione nel finale. Löw ha dichiarato che la sua formazione è maturata molto, non solo nel corso dell'ultima stagione, ma anche in Brasile e che i suoi devono essere pronti anche per l'eventuale sfida ai rigori.

In campo anche un pò d'Italia, con il bolognese Rizzoli che è stato scelto per dirigere la finale. Un onore ed una grande responsabilità per il fischietto italiano, che fino ad ora ha arbitrato bene nelle precedenti gare dirette, e che trova per la terza volta l'Argentina. Sugli spalti il pubblico brasiliano è pronto a tifare Germania, perché vedere consegnare la coppa a Lionel Messi al Maracanà sarebbe una beffa troppo grande dopo le batoste subite dai loro beniamini.

Probabili formazioni

GERMANIA (4-3-3): Neuer - Lahm, Hummels, Mertesacker, Howedes - Khedira, Schweinsteiger, Kroos - Muller, Klose, Ozil Allenatore: Low

ARGENTINA (4-2-3-1): Romero - Zabaleta, Demichelis, Garay, Rojo - Mascherano, Biglia - Perez, Messi, Lavezzi - Higuaín Allenatore: Sabella