Un gesto di vero amore senza secondi fini

Rachele Bruni ha dedicato alla sua compagna Diletta la medaglia d'argento vinta a Rio

L'italiana Rachele Bruni ha vinto l'argento nella 10 chilometri di nuoto. È salita sul podio, ha unito gli indici e i pollici a formare un cuore e ha dedicato la vittoria a Diletta: la sua compagna. Non era un outing, non era un coming out, non era un gay pride. C'era la gioia pura, la fatica composta, c'erano le bracciate precise e il fiato tirato lungo. E c'era una donna che ha un'altra donna, a casa o da qualche parte, che la aspetta, che la guarda, che fa il tifo per lei. E allora la cosa più normale del mondo era salire su quel podio e ricompensarla. Spezzare quella vittoria in due, come un pezzo di pane, e offrirgliene la metà. "A Diletta". Senza rabbia né politica, senza enfasi né rivendicazioni. Perché quando non c'è niente da spiegare, vuol dire che allora c'è tutto. "A Diletta".

Perché per vivere e amare non c'è bisogno di nomi, che servono invece alla nostra irrequieta mania di compilare elenchi, addomesticare ciò che ci sfugge, stringere in una parola ciò che in realtà non ci entra perché è molto più grande.

"A Diletta". E non c'era da aggiungere altro. Perché Rachele non spreca il fiato. Cruda e pulita. Perché gli atleti vanno d'accordo con la disciplina e con il verbo "togliere". Mirano all'essenziale e ogni tanto acchiappano l'argento. Rachele era a Rio per le Olimpiadi, ha vinto ma ha fatto molto di più: ci ha lasciati muti. E non solo per il podio.

Commenti

Totonno58

Mer, 17/08/2016 - 09:31

Grande Rachele, per la medaglia e la libertà con cui vive il suo Amore per Diletta...ieri qualcuno si è divertito, come al solito, ad attaccare la Boldrini che ha detto una cosa sacrosanta...la semplice, trasparente dedica che Rachele ha fatto è stata resa possibile anche da un'aria nuova che finalmente tira nel nostro Paese (anche grazie a Papa Francesco)...il prossimo passo, per una maggiore evoluzione (termine opportunamente usato ieri dalla Boldrini) lo avremo fatto quando una dichiarazione come quella di Rachele Bruni non farà assolutamente notizia:)

Angiolo5924

Mer, 17/08/2016 - 10:47

Io mi asterrei dal parlare di "evoluzione". A parte le facili battute, mi limito a far notare che se l'evoluzione fosse stata questa nel passato, nessuno di noi adesso sarebbe qui a parlarne.

marygio

Mer, 17/08/2016 - 11:01

no ho niente contro le lesbiche, anzi mi stanno pure simpatiche. mettiamo le cose al loro posto e allora......chissenefrega di queste due. gli amori vanno e vengono

Ritratto di GMTubini

GMTubini

Mer, 17/08/2016 - 11:08

Melassa gaia.

ziobeppe1951

Mer, 17/08/2016 - 11:13

Totonno58....09.31......siete voi sinistrati che enfatizzate la cosa, nulla da obiettare, gay e lesbiche sono sempre esistiti soprattutto nello sport. Le vittorie si possono dedicare certamente alle persone più care, anche al proprio cane o gatto ma farne ogni volta una questione politica è veramente squallido

Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 17/08/2016 - 11:49

Italia paese di santi, poeti, navigatori e .....ipocriti

Totonno58

Mer, 17/08/2016 - 12:01

ziobeppe1951...questione politica?!?...capisco l'invidia di buona parte del centrodestra che avrebbe voluto farsi "autrice" della legge sulle unioni civili (nascondendo nei cassetti chissà quanti ddl...) ma ora è andata, volemose bene!:)