Giovanni Malagò confermato presidente del Coni per altri 4 anni

Giovanni Malagò è stato rieletto con 67 voti il presidente del Coni per il quadriennio 2017/2010. Ha superato lo sfidante Sergio Grifoni che ha ottenuto due soli voti

Giovanni Malagò è stato confermato presidente del Coni per il quadriennio 2017-2020. Nel Consiglio nazionale elettivo odierno ha infatti superato lo sfidante Sergio Grifoni, 79anni, ex presidente della Federazione orientamento.

Malagò ha ottenuto 67 voti su 75 votanti. Le schede bianche sono state 5, le nulle 1. Malagò, al secondo mandato, è in carica dal febbraio 2013. La sua rielezione è stata accolta da un lungo applauso. "Grazie a tutti, lavoriamo per stare insieme. Sono molto orgoglioso di voi", ha detto a caldo.

"Durante il mio mandato i 4/5 del programma sono stati realizzati, altre situazioni non sono dipese dalla volontà del Coni", ha continuato Malagò nella Sala d'Onore del Foro Italico dove si è tenuta l'elezione.

"Penso a quanto si è fatto in molti settori del nostro mondo, penso all'Istituto di Medicina e Scienza, alla formidabile crescita della Scuola dello Sport, penso al percorso fatto per riformare la giustizia sportiva e alla credibilità acquisita a livello internazionale relativamente al tema dell antidoping, dove siamo diventati modello da imitare, attribuendo autonomia al sistema".

Malagò ha poi parlato del tema dello sport a scuola. "Ci abbiamo messo la faccia e le risorse, raccogliendo risultati importanti sotto il profilo della pratica sportiva. In quattro anni sono cambiati più volte i referenti a livello istituzionale e non è stato facile portare avanti le nostre istanze. Ora però è indispensabile avere una legislatura piena e pianificare la legge quadro del nostro sistema, non tenendo più conto di apparati legislativi che sono ormai desueti. Dobbiamo uscire dai recinti, dobbiamo volare alto, mettendo da parte i protagonismi e ogni conflitto d'interesse. I risultati sportivi poi sono sotto gli occhi di tutti, l'associazionismo di base è il nostro motore. Vogliamo andare avanti, facendo leva su coraggio e idee: poi la differenza la fanno le persone", ha concluso.

Commenti

tosco1

Gio, 11/05/2017 - 13:27

Sara' una innocente sensazione , sara' perche' ho visto il suo modo (a me sembra arrogante)di volere calpestare i diritti del Sindaco di Roma,per lo Stadio,le sue reazioni indispettite, ma a me questo personaggio non piace un bel niente. Non conosco quale meriti abbia per giustificare la sua nomina, ma so per certo che non lo vorrei amministratore del mio condominio.

Luci60

Gio, 11/05/2017 - 13:39

renzi colpisce ancora

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 11/05/2017 - 13:56

non me lo sarei mai aspettato ! che tutto muti purche nulla cambi .

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 11/05/2017 - 14:50

un altro amico degli amici (che falsificava pure gli esami all'università)