«Girone duro ma l'Italia trattata male»

Sorridono gli altri ct italiani: Fabio Capello e la sua Russia sfideranno Belgio, Algeria e Corea del Sud; Alberto Zaccheroni e il suo Giappone si confronteranno con Colombia, Costa d'Avorio e Grecia.
«Il girone dell'Italia è molto duro, ma è stata una situazione assurda - così l'ex tecnico di Milan, Roma e Juve -. Il ranking non è stato rispettato, una squadra che ha vinto quattro titoli mondiali messa in quella posizione non è giusto. Ma se gioca a calcio e palla a terra come sta facendo con Prandelli, può fare molta strada. Certo, giocherà nel nord del Brasile ma come diceva Liedholm, la palla non suda... L'Inghilterra? Ha dei giovani interessanti, ma è sempre legata ai grandi giocatori come Gerrard, Rooney e Lampard».
«Considerando che l'Italia non era testa di serie, è andata anche bene - il giudizio di Zac -. Giocare a Manaus con temperatura e tasso di umidità altissimi non sarà facile, ma spero che vada avanti. Prandelli ha dato alla squadra un profilo di gioco molto importante, non fa solo la fase difensiva e ha talenti».