Il goleador: "Non mi sento il salvatore della patria". Stramaccioni sorride: "Grande passo avanti"

Palacio: "I gol, in questo mio derby personale, sono importanti, ma più importante era vincere e ci siamo riusciti"

«Non mi sento il salvatore della patria, il merito è della squadra, di tutti. Certo i gol, in questo mio derby personale, sono importanti, ma più importante era vincere e ci siamo riusciti». Pensieri e parole di Rodrigo Palacio, l'ex genoano che, con i suoi gol, mantiene vive le speranze dell'Inter di raggiungere la zona Champions. L'argentino poi continua: «Era per noi un momento difficile, anche se nelle ultime tre gare avevamo giocato bene e ora abbiamo più fiducia e guardiamo avanti con ottimismo e bene ha fatto la nostra difesa, anche perché ci aspetta una partita difficile con l'Atalanta».

È più sollevato Andrea Stramaccioni, la vittoria l'ha rigenerato. «La Samp in casa aveva messo in difficoltà tutti e anche noi nella ripresa li abbiamo subiti, ma il carattere è venuto fuori», afferma il tecnico nerazzurro. «Occorre trovare continuità, quella che ci è venuta a mancare da dopo Natale, ma nelle ultime tre partite abbiamo fatto bene e dopo Tottenham, Juventus e Sampdoria abbiamo fatto un grande passo avanti. E ora sotto con l'Atalanta, impegno difficile dove non si deve sbagliare».