Gomez, Lamela, Banega. È il tempo dei riciclati

L'ex catanese verso Firenze, l'ex giallorosso per la Juve. Ma a Conte piace Nani. Napoli e Milan su Fernando

Il calcio che cambia e l'Italia che, da ricco Eldorado, diventa un posto dove accogliere calciatori in difficoltà negli altri campionati. Il calciomercato dei club di casa nostra è sempre più propenso verso la ricerca di quei calciatori che, all'estero, non riescono a vivere momenti di gloria. E dunque ecco riecheggiare nei rumors di calciomercato nuovamente i nomi di Alejandro Gomez, Erik Lamela, Nani, Fernando, Gonalons e così via, gente che vede nella serie A un trampolino di lancio per rivitalizzare la propria carriera e, magari, guadagnare un posto anche ai prossimi Mondiali con la propria nazionale.

Su tutti Alejandro Gomez è il giocatore più accreditato per fare ritorno nella nostra Serie A. L'argentino è infatti ormai molto vicino a vestire la maglia della Fiorentina: il tecnico Vincenzo Montella ha deciso, l'infortunato Giuseppe Rossi sarà sostituito dal Papu, già al Catania fino alla scorsa stagione e oggi in forza al Metalist Kharkiv. Offerti al club ucraino sette milioni di euro più il cartellino di Iakovenko, attaccante classe 1987 ex Anderlecht, che in questa stagione ha trovato poco spazio con la maglia viola. Il diretto interessato, d'altronde, non si è tirato di certo indietro e anzi ha aperto al trasferimento: «Firenze? E' la mia città preferita, giocarci sarebbe un sogno - le sue parole - so che i viola hanno chiesto informazioni al mio procuratore riguardo la mia situazione contrattuale, io sono pronto a venire anche in prestito».

Per un calciatore pronto al rientro in Italia, un altro che invece non è mai riuscito a sbarcare nel nostro campionato ma che ci riprova: Ever Banega. Con le grosse complicazioni sorte per Gonalons, e la difficoltà ad arrivare ad Alex Song, il ds del Napoli Riccardo Bigon si sta attivando per trovare delle valide alternative, ma il centrocampista del Valencia sembra ancora lontano dai partenopei, che offrono cinque milioni di euro mentre gli spagnoli ne chiedono otto. Rimane viva anche la pista Fernando, centrocampista brasiliano del Porto, già da tempo nel mirino degli azzurri: «Stiamo parlando col club partenopeo, ma in questo momento mi trovo in Brasile - le parole del suo agente, Antonio Araujo - tornerò in Portogallo la settimana prossima e vedremo cosa accadrà». La verità è che sul giocatore c'è anche il Milan, che vorrebbe ingaggiarlo subito. La carta a sorpresa di Adriano Galliani per dare al centrocampo rossonero un puntello in più a costi da occasione. E lo stesso Galliani, alla presentazione di Keisuke Honda, non ha smentito l'interesse: «A occhio e croce il mercato del Milan è finito qui - le sue parole - poi possono succedere cose che oggi non sono prevedibili. Fernando è uno dei giocatori che osserviamo ma non c'è alcuna offerta. Il Milan grazie a Dio ha ancora appeal nel mondo».

Anche la Juventus guarda all'estero, ma il suo mercato ruota attorno alla cessione di Mirko Vucinic. Il montenegrino potrebbe lasciare i bianconeri e all'orizzonte c'è l'ipotesi anche di uno scambio col Tottenham per Lamela (sull'argentino c'era anche l'Inter, ma ora i nerazzurri hanno cambiato obiettivo puntando tutto su Osvaldo). I colloqui tra Baldini e Marotta ci sono già stati, ma Vucinic piace anche al Manchester United e Conte vuole da tempo Nani. Rimane sempre calda la pista che porta a Menez del Psg: il francese è un'alternativa di lusso ed è in scadenza di contratto.