Gp di Malesia, vince Hamilton: la Mercedes fa la doppietta

La Mercedes domina tra gli sbadigli, la Ferrari non decolla e Alonso non sale nemmeno sul podio. A Sepang show solitario di Lewis Hamilton

Lewis Hamilton trionfa nel Gran premio di Malesia e la Mercedes fa doppietta a Sepang. Il pilota inglese si aggiudica il secondo appuntamento del Mondiale 2014 precedendo il suo compagno di team, il tedesco Nico Rosberg. Sebastian Vettel, al volante della Red Bull, si piazza terzo. Lo spagnolo Fernando Alonso è quarto con la Ferrari. Giornata deludente per l’altra rossa: il finlandese Kimi Raikkonen chiude fuori dalla zona punti. Alle spalle di Alonso si piazza il tedesco Nico Hulkenberg, quinto con la Force India. A punti anche Jenson Button (McLaren), Felipe Massa (Williams), Valtter Bottas (Williams), Kevin Magnussen (McLaren) e Daniil Kvyat (Toro Rosso).

La Mercedes domina tra gli sbadigli, la Ferrari non decolla e Alonso non sale nemmeno sul podio. Il Gp di Malesia è uno show solitario di Hamilton. Il pilota inglese, partito dalla pole position, domina dal semaforo verde alla bandiera a scacchi centrando il primo successo stagionale e il 23° della carriera. Come ciliegina, il driver di Stevenage aggiunge anche il giro record (1'43"066) in un fine settimana a dir poco perfetto. Il bicchiere della Mercedes è pienissimo visto che Nico Rosberg, vittorioso due settimane fa in Australia e leader iridato, si piazza secondo e completa la domenica perfetta delle Frecce d’argento. Sul terzo gradino del podio sale Sebastian Vettel, che porta i primi punti alla Red Bull. Il campione del mondo è l’unico a impensierire le monoposto tedesche, che faticano a trovare rivali all’altezza. Non è un avversario temibile la Ferrari, che deve accontentarsi del quarto posto ottenuto da Alonso. Lo spagnolo chiude a oltre mezzo minuto dalle Mercedes e deve faticare per lasciarsi alle spalle la Force India del tedesco Nico Hulkenberg, che sfrutta le prestazioni del motore fornito dalla casa di Stoccarda. Bocciatura secca per Kimi Raikkonen, fuori dalla zona punti al termine di una giornata infernale. Per il finlandese, infatti, la gara diventa un calvario dopo pochi chilometri.

Al semaforo verde, le Mercedes gettano le basi per il double. Hamilton difende la pole position, Rosberg supera Vettel e le Frecce d’argento fanno coppia davanti. Alonso non riesce a difendersi dall’attacco della Red Bull di Daniel Ricciardo e scivola in quinta posizione. Decisamente più complesso l’avvio di Raikkonen, costretto a rincorrere in salita già dopo un paio di giri: contatto con la McLaren di Kevin Magnussen e la gomma sinistra è forata, il finlandese deve tornare ai box e precipita in coda al gruppo. Al top, Hamilton trasforma la gara in una passeggiata solitaria e dopo undici tornate ha già 6" di vantaggio sul compagno-inseguitore. I duelli sono merce rarissima e bisogna accontentarsi delle schermaglie tra Ricciardo e Alonso che, dopo i rispettivi pit-stop, incrociano le traiettorie senza modificare le posizioni. Alla boa di metà gara si arriva senza alcun sussulto e anche il podio assume connotati sempre più definiti. Vettel è l’unico a tenere un passo paragonabile a quello delle Frecce d’argento, mentre Alonso deve fare i conti con la gestione delle gomme e, al 28° dei 56 passaggi, deve effettuare la seconda sosta ai box per abbandonare le coperture medie e montare quelle dure. A interrompere la monotonia prova Vettel, che a 20 tornate dalla bandiera a scacchi si avvicina a Rosberg.

er movimentare il pomeriggio di Sepang servirebbe la pioggia, che fa capolino in alcuni punti del tracciato. Qualche goccia è sufficiente per allertare i team, ma la pista rimane sostanzialmente asciutta. Per assistere ad un colpo di scena, si fa per dire, bisogna aspettare il 41° giro e il ko tecnico che frena la Red Bull di Ricciardo. L’australiano perde un’eternità per il montaggio difettoso della ruota anteriore sinistra, quando rientra in pista danneggia il muso della monoposto e deve tornare ai box per una sosta extra: un disastro. Alonso va all’assalto del quarto posto e, a 3 giri dalla fine, vince il duello con la Force India di Nico Hulkenberg. Per ora il Cavallino non è in grado di sfidare la Mercedes. Tra una settimana, nel Gp del Bahrain, il copione difficilmente cambierà.

Commenti

linoalo1

Dom, 30/03/2014 - 13:10

Ma chi è il Capo?Alo o Rai?Intanto l'estromesso Massa ha fatto meglio di Rai!Lino.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 30/03/2014 - 13:10

Anno nuovo vita vecchia per la banda Montezemolo. Adesso mi aspetto la dichiarazione che stanno già pensando alla prossima stagione.

compitese

Dom, 30/03/2014 - 13:15

MOMTEZEMOLO!!! prrrrr.........

compitese

Dom, 30/03/2014 - 13:15

MOMTEZEMOLO!!! prrrrr.........

compitese

Dom, 30/03/2014 - 13:15

MOMTEZEMOLO!!! prrrrr.........

compitese

Dom, 30/03/2014 - 13:15

MOMTEZEMOLO!!! prrrrr.........

agosvac

Dom, 30/03/2014 - 13:41

Non si capisce bene questa "secca" bocciatura per Raikonnen, incolpevole di una foratura alla gomma posteriore dovuta all'irruenza di un altro pilota. Il fatto è che siamo solo agli inizi del campionato ed i giochi sono ancora tutti più che aperti. La Mercedes ha un vantaggio indubbio ma non è detto che continuerà ad averlo: in genere sono le vetture più performanti ad inizio campionato che nel proseguimento dello stesso hanno minore possibilità di sviluppo.

egenna

Dom, 30/03/2014 - 13:50

Secondo me,c'è puzza di imbroglio,i tedeschi hanno sempre imbrogliato,parecchi anni fa in corse di regolarità con carburante limitato, la Porsche vinceva sempre sulla ferrari,si è scoperto poi che avevano serbatoi nascosti,ho si fa una bella indagine,o c'è qualcuno che quest'anno vuole far vincere la Mercedes,secondo me.

vincenzo1956

Dom, 30/03/2014 - 15:18

anno nuovo vecchia storia !!

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 30/03/2014 - 15:21

L´ho avevo detto, questa ferrari non va ne prima e ne dopo! La seconda volta (per culo e fortuna) 4.posto il posto dell´ananas di plastica! Montezemolo, ricordati hai bisogno di progettisti con creatività, classe e razza. Volenti o nolenti, devi continuare a vedere il retro B. ovvero le marmitte della Mercedes,Red Bull e Force India !! L.C.d.M. You have a Dream one day....!

gigetto50

Dom, 30/03/2014 - 16:38

.....qualcuno invece di continuamente ravviarsi il ciuffo e intascare milioni, dovrebbe finalmente mettersi la tuta e scendere in officina e sporcarsi le manine...

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 30/03/2014 - 16:51

#gigetto50, prima si fa un concetto di una macchina vincente (con gente capace e creative) è dooopo fooorse si può ....scendere in officina e sporcarsi le manine...!

Luigi Fassone

Dom, 30/03/2014 - 16:58

La Ferrari c'è, poco e NON c'è,tanto.Raikonnen,che io,quando fu per la prima volta alla Ferrari,avevo battezzato "un ti dormi",sarà stato pure danneggiato,ma di RIMONTA non se n'è vista. Alonso fa quel che meglio può,lo si è visto dietro a Ricciardo,quando non ha potuto far altro che "arrancare". E poi,lasciatemelo dire,con tutte queste regole (un kg di benzina a fine corsa,consumo tot grammi eccetera,il motorino elettrico aggregato al termico,ma possiamo ancora chiamarla Formula 1,sta gara per vetture-robot ? Già che ci siamo,eliminiamoli questi piloti,tanto le automobili vanno lo stesso,teleguidate...! Una delusào unica...!

gigetto50

Dom, 30/03/2014 - 17:00

.....si...certo..per officina e sporcarsi le manine intendevo ovviamente il darsi da fare a 360 gradi...

gigetto50

Dom, 30/03/2014 - 17:00

.....si...certo..per officina e sporcarsi le manine intendevo ovviamente il darsi da fare a 360 gradi...

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 30/03/2014 - 17:20

#Luigi Fassone, sono d´accordo con il tuo ragionamento: ..tutte queste regole ...! Mac`è anche un mahhh, il passato della Ferrari dopo il GRANDE SCHUMI (l'eccezione conferma la regola, ha fatto solo marce indietro! È la macchina che non vaaaa, Alonso non ha nessun colpa! Manca un genio "Adrian Newey" nella Scuderia Ferrari!

Gianca59

Dom, 30/03/2014 - 18:06

Ottima Ferrari, da anni si mantiene sempre sugli stessi livelli …..

Seawolf1

Dom, 30/03/2014 - 19:05

Povera Ferrari.... Che vergogna e che pena.

emulmen

Dom, 30/03/2014 - 19:06

siamo alle solite: se la Ferrari non vince è colpa dell'intera squadra...se vince tutti a lodarla! è proprio in momenti come questi che la rossa va spronata...quest'anno poi che bisogna ricominciare tutto daccapo dic erto ci vuole tempo...la Mercedes studiava già il nuovo motore da 3 anni, la Ferrari e la renault da metà tempo, quindi la casa di Stoccarda ha un bel vantaggio (per ora) su tutti gli altri, che devono ancora capire come sfruttare al meglio tutte queste nuove tecnologie (che presto saranno adottate sulle vetture di serie? mah)...e quando lo faranno la Mercedes dovrà lottare strenuamente..soprattutto grazie ad un lottatore poi come Fernando... (e ricordiamo che Kimi ha avuto una gran sfiga alla partenza con la botta che gli ha dato Magnussen che gli ha sbilanciato tutta la macchina...)

Luigi Fassone

Dom, 30/03/2014 - 21:10

***Collega emulmen***.D'accordo sullo "spronamento" E pure d'accordo che Alonso è bravo. D'accordo pure sulla Ferrari indietro,troppo indietro. Ma quando si vede una rossa che non ce la fa ad avvicinare una sconosciuta guidata da uno sconosciuto,,,suvvia ! Oltre al grande Enzo,sa quanti altri si stanno rivoltando nelle tombe ?

emulmen

Dom, 30/03/2014 - 22:29

@Luigi - se ti riferisci a Hulkenberg che teneva dietro Alonso non è certo uno sconosciuto Nico, che ormai è la bestai nera di Nando (tanto che semrbava dovesse approdare lui stesso quest'anno a Maranello)...se ti riferisci a Raikkonen dietro Ericsson con la Catheram ricorda che la botta di Magnussen gli ha sconvolto oltre alla gara tutto l'assetto...manco Hamilton al posto di Kimi avrebbe vinto di sicuro e sarebbe rimasto indietro...non dico certo che Kimi avrebbe vinto, ma sicuramente dietro Alonso ci finiva tranquillamente