Gp di Monaco, vince Rosberg, secondo Vettel, terzo Hamilton

E' la terza volta che Rosberg trionfa in carriera sul circuito di Montecarlo. Quarto posto per la Red Bull di Daniil Kvyat davanti al compagno di squadra Daniel Ricciardo

Nico Rosberg vince il Gp di Monaco. Il pilota tedesco della Mercedes, al terzo trionfo consecutivo nel Principato, sfrutta l’inspiegabile decisione della scuderia di Stoccarda di richiamare il compagno di squadra Lewis Hamilton, saldamente al comando fino a quel punto della gara, ai box in regime di safety car a 13 giri dalla fine della gara. Alle spalle di Rosberg, il connazionale della Ferrari, Sebastian Vettel e proprio Hamilton. In quarta e quinta posizione le Red Bull del russo Daniil Kvyat, al miglior risultato della carriera, e dell’australiano Daniel Ricciardo, che si piazzano davanti al finlandese Kimi Raikkonen, con la seconda Ferrari.

E' la terza volta che Rosberg trionfa in carriera sul circuito di Montecarlo. Quarto posto per la Red Bull di Daniil Kvyat davanti al compagno di squadra Daniel Ricciardo. La Ferrari di Kimi Raikkonen conclude al sesto posto. Ritiro, invece, per la McLaren di Fernando Alonso. Nella classifica del Mondiale Rosberg avvicina Hamilton: il tedesco sale a 116 punti contro i 126 del britannico. Terzo Vettel a quota 98. Prossimo appuntamento il Gran Premio del Canada in programma il 7 giugno.

Commenti

Gaby

Dom, 24/05/2015 - 20:10

Quando I tedeschi sono scemi....sono scemi Uber Alles.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Dom, 24/05/2015 - 20:32

Gli strateghi della Mercedes hanno dimostrato di esserer dei principianti in strategia. A quel punto della gara NESSUNO,con quel vantaggio (24/25 secondi) avrebbe mai fatto rientrare il primo in testa per un cambio gomme! Anche perdendo un secondo al giro Hamilton avrebbe comunque vinto mancando 13 giri alla fine di cui quattro dietro la safetycar. Elementare!!!!!!!!!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 25/05/2015 - 00:24

In realtà il richiamo di Hamilton, come ha chiaramente fatto capire Toto Wolf, è stato causato soprattutto dal fatto che ormai per prassi quando esce la safety car tutti ne approfittano per fare il pit stop e in Mercedes erano convinti che si sarebbero fermati tutti e soprattutto che, viste le basse velocità, i secondi di vantaggio sarebbero stati sufficienti. Un errore dei krukki. Roba da ridere in confronto ai mondiali persi dalla Ferrari per errori ben più gravi e continuati.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 25/05/2015 - 00:48

C'è qualcuno da licenziare alla Mercedes.