I Bleus islamici rinunciano al ramadan

Parigi. Alla vigilia del debutto nell'Europeo, domani sera allo Stade de France contro la Romania, la pressione sulla Nazionale francese cresce, di pari passo con il timore di andare incontro a eventuali figuracce sportive. La voglia di riscattare le delusioni di un recente passato è tanta ed è per questo che non si vuole lasciare nulla al caso. La ragion di Stato prevale, così come il calcio sulla religione. Un esempio? I giocatori musulmani dei Bleus, durante il torneo, eviteranno la dieta imposta dal ramadan che prevede il digiuno dall'alba al tramonto. Fra i calciatori coinvolti Pogba, Sagna e Kantè, centrocampista del Leicester.

A Clairefontaine, luogo del ritiro della Francia, il ct Didier Deschamps ha reintrodotto i piatti halal nel menù della propria squadra, seguendo le orme del predecessore Raymond Domenech. Anche lui aveva aggirato il digiuno. Il periodo di ramadan per i calciatori impegnati all'Europeo potrà essere recuperato in un altro momento dell'anno.