I tifosi della Juve contro l'ex Di Livio: "È romanista, via la stella dallo Stadium"

Il tifo bianconero disconosce il "Soldatino", per sei anni giocatore della Vecchia Signora

Il popolo bianconero rinnega l'ex idolo Angelo Di Livio. Il "Soldatino", uomo simbolo della Juventus forte perché operaia, è diventato un nemico per i tifosi più sfegatatati della Vecchia Signora. Tanto da chiederne la rimozione della stella con il suo nome fuori dallo Juventus Stadium.

Il motivo di tanto rancore? Un commento di Di Livio alla vigilia del big match di lunedì sera all'Olimpico, quando i lupi della Roma hanno ospitato nella loro tana la Vecchia Signora (1-1 il risultato finale, con gli uomini di Allegri ancora a +9 sulla banda di Garcia). Le parole contestate sono le seguenti: "Se battiamo la Juve si può riaprire il campionato". Quel "battiamo" è tinto di giallorosso e fa gridare al tradimento.

Una levata di scudi che trova sui social network e sui forum bianconeri un megafono ad alto volume: "Togliete la stella con il nome di Di Livio dallo Juventus Stadium" gridano i tifosi, che si sentono disonorati da quello che oramai è più un traditore che un idolo del passato.