Ibrahimovic, no al rinnovo con lo United. Rifiutati 13 milioni di euro

Lo svedeze Zlatan Ibrahimovic ha rifiutato il prolungamento di contratto con lo United. Il motivo? Non vuole essere pagato mentre non può giocare

Zlatan Ibrahimovic non è soltanto un giocatore straordinario, ma anche un uomo vero. Pare infatti che il calciatore abbia rifiutato un altro anno di contratto con il Manchester United: in soldoni circa 13 milioni di sterline.

"Niente soldi se non gioco"

Dopo l'infortunio subito al ginocchio si sono susseguite diverse dichiarazioni sul futuro di Ibra. Lui ha già fatto sapere che non si ritirerà, ma l'interrogativo su quale casacca vestirà rimane. Come riporta La Gazzetta dello Sport pare che già prima che il ginocchio facesse crac nella partita di Europa League contro l'Anderlecht, lo United avrebbe voluto attivare l'opzione di prolungamento del contratto dello svedese. Ma sarebbe stato lo stesso svedese a rifiutare - ritendo non corretto e giusto - di essere pagato dal club mentre non gioca. La prognosi infatti parla di stop forzato per 9-12 mesi, praticamente un anno di inattività.

Dopo il rifiuto l'ipotesi di uno sbarco nella Mls, massima serie del calcio a stelle strisce, si fa più credibile. Ibra comunque tornerà a giocare: l'ha ammesso lui e ne è sicuro anche il suo allenatore José Mourinho. "Stiamo parlando di un ragazzo mentalmente molto, molto forte". Mou ha anche aggiunto: "Non ha alcuna intenzione di mollare e che vuole combattere, perché ha combattuto per tutta la sua vita e quindi non vedo una sola ragione per cui non debba farlo anche ora".