Impresa Italbasket sperimentale. In Cina vince all'over time in 3 uomini

Nazionale di baslet sperimentale che sale alla ribalta per una vittoria, all'extra-time, nel torneo di Qujing, finendo in soli 3 uomini

L'Italbasket sperimentale, vincente in Cina, in soli 3 uomini

La cosiddetta "Nazionale Sperimentale" ha dato una grandissima gioia a tutti gli appassionati di basket e più in generale dello sport.

Gli "Azzurrini" guidati da Attilio Caja hanno infatti sconfitto, nel torneo di Qujing, i padroni di casa, portando a casa una vittoria che ha i contorni dell'impresa, perchè ottenuta a dispetto di un arbitraggio assai discutibile, dopo un tempo supplementare e con tre soli effettivi in campo causa infortuni e falli al suono della sirena che ha chiuso la contesa.

Il punteggio finale è stato di 107 a 97 per i nostri ragazzi e se tutti hanno dato il loro contributo per scrivere questa bella pagina dello sport nostrano, un plauso particolare va però fatto a Roberto Rullo e ad Awudu Abass, i quali hanno messo a referto 26 e 29 punti. I due non sono stati però i soli a finire in doppia cifra: vanno infatti segnalati i 18 e i 12 punti con cui hanno chiuso il match Stefano Tonut e Lorenzo Saccaggi.

Ovviamente soddisfattissimo è il coach di questi giovani che ci hanno regalato tale grande soddisfazione. Caja ha dichiarato che il match contro la forte compagine asiatica è stato fatto proprio dai suoi ragazzi "specialmente grazie al cuore e all'orgoglio".

Il tecnico si è complimentato a più riprese con i propri giocatori per non essere:

"Diventati preda del vittimismo" a causa di un arbitraggio assai discutibile, ma di "aver tirato fuori tutto quello che avevano dal punto di vista morale e tecnico".

Subito il pari cinese al suono della sirena e costretti a giocare il supplementare con un uomo in meno, gli Azzurrini hanno però condotto le operazione nell'"over-time" e, pur rimanendo addirittura in tre sul parquet negli ultimi 120 secondi di gioco, a causa di infortuni e "quinti falli", hanno fatto l'impresa, trascinati dalla voglia di abbattere le difficoltà e dai chirurgici tiri dalla distanza di Roberto Rullo, i quali hanno piegato i Cinesi.