Inter, la compagna di Santon: "Superato il limite con le minacce di morte"

La rabbia di alcuni tifosi dell'Inter sui social contro Santon, reo di aver causato la sconfitta contro l'Atalanta. Chloe Sanderson scende in sua difesa

L'Inter di Frank de Boer è caduta sotto i colpi dell'Atalanta di Gasperini che ha avuto in mano il pallino del gioco per quasi tutta la partita. Handanovic ha salvato diverse volte i suoi ma nulla ha potuto su Pinilla che, al minuto 88, ha battuto un calcio di rigore preciso che ha regalato la vittoria ai padroni di casa. Autore del fallo da rigore è stato Davide Santon che ha atterrato ingenuamente, forse anche per la stanchezza, il centrocampista ivoriano dell'Atalanta Franck Kessié. Alcuni tifosi dell'Inter, sui social network, se la sono presa con l'ex difensore del Newcastle, inviduato come il capro espiatorio per la sconfitta subita a Bergamo.

In realtà, l'Inter ha disputato una delle più brutte partite della sua stagione e Santon non può essere considerato l'unico colpevole della debacle in terra bergamasca. Chloe Sanderson, fidanzata del 25enne di Portomaggiore, è scesa in difesa del suo ragazzo su Instagram: "Davide sta cercando di dare il possibile, in questo momento non è facile. Ha pagato un eccesso di foga agonistica per provare a difendere, in occasione del rigore e si scusa dell'errore. Ama la sua squadra e punta a riprendersi al più presto". La compagna di Santon, in un secondo momento, attacca però chi, in maniera molto stupida, ha augurato la morte al calciatore dell'Inter: "Ha commesso questo errore mentre stava facendo il suo lavoro di difendere, può capitare. Io capisco la frustrazione, ma le minacce di morte sono oltre il limite".

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 25/10/2016 - 14:00

La rabbia di alcuni tifosi dell'Inter... Quando invece di "tifosi" li chiamarete teppisti delinquenti, tutto sarà più chiaro.

COSIMODEBARI

Mar, 25/10/2016 - 16:10

Non solo dell'Inter...questo è il grosso guaio del calcio in Italia. E quello ancora più grosso è il continuo matrimonio,, che non si vuole rescindere, tra molte o poche società di calcio e questi tifosi non tifosi

DIAPASON

Mer, 26/10/2016 - 14:48

Anche lui li supera spesso I limiti.

montenotte

Mer, 26/10/2016 - 15:25

Punto primo:la morte non si augura a nessuno. Secondo:se le Società di calcio anzicchè dare addosso all'allenatore quando ci sono risultati negativi, se la prendessero anche con i calciatori che spesso commettono errori da "Terza Categoria", la musica cambierebbe.Invece li strapagano, li viziano, li coccolano e li lasciano intoccabili. A questi livelli, gli allenatori sono tutti seri e bravi professionisti e se metti loro in mano materiale umano scadente......Esempio: Allegri al Milan era scarso alla Juve un fenomeno?