Inter, de Boer: "Io in bilico? No, miglioreremo ma dobbiamo farlo subito"

L'Inter è chiamata a riscattarsi in Europa League contro il Southampton. de Boer ha fiducia in sé stesso e nel suo staff e cerca di chiudere il caso Icardi

L'Inter di Frank de Boer, domani alle ore 19, sarà chiamata ad un test molto importante contro gli inglesi del Southampton in Europa League. I nerazzurri sono ancora a quota 0 punti in classifica dopo due giornate e domani sera la vittoria sarà d'obbligo per non rischiare di compromettere definitivamente la qualificazione ai sedicesimi di finale. L'Inter è ancora scossa dalla sconfitta subita contro il Cagliari, ma ancora di più dal caso Icardi che, seppur archiviato, ha lasciato strascichi importanti che non sono di certo svaniti. de Boer, in conferenza stampa, ha presentato il match contro gli inglesi e ha parlato del reintegrato Brozovic: "Quando non si vince è sempre difficile, i risultati contro Roma e Cagliari sono stati negativi, dobbiamo migliorare molto in questo perché l'ultima sconfitta non era in programma anche se abbiamo dimostrato di avere qualità. Dobbiamo migliorare e sappiamo di dover cambiare passo ma dobbiamo farlo subito perché nel calcio non c'è mai troppo tempo. Brozovic? Si sta allenando ed ha giocat ha giocato quasi due partite in nazionale. E' pronto per scendere in campo ma vedremo domani".

de Boer ha poi dichiarato di non sentirsi in discussione ed ha parlato del caso Icardi: "So che i risultati non sono buoni, ma siamo solo all'inizio di un progetto. Abbiamo disputato partite molto buone con risultati negativi, però io ho molta fiducia in questa squadra e vedo che sta crescendo. I risultati negativi sono normali quando si è all'inizio di un processo e credo sia solo una questione di tempo. La società di questo ne è consapevole e io ho fiducia in questa squadra, sapendo che però bisogna migliorare in certi aspetti. Un allenatore di un grandi club come l'Inter, l'Ajax o Barcellona ha sempre tanta pressione addosso quando non ci sono i risultati. Sto facendo un buon lavoro per la mia squadra, ho fiducia in me stesso e nel mio staff tecnico, ma anche nella società e nella squadra. Il caso Icardi? Questa situazione non è buona per la squadra, per i tifosi e per la società. In futuro bisognerà evitare cose di questo genere di cose. Tutti devono imparare dagli errori per far sì che non si ripetano in futuro, non solo Icardi. Mauro faccia tesoro per quanto è accaduto perché da capitano ha delle responsabilità: credo abbia capito di dover essere un buon esempio per squadra e tifosi".