Inter, Mancini convocato da Zhang Jindong: arriva il rinnovo?

Roberto Mancini potrebbe rinnovare il suo contratto con l'Inter fino al 30 giugno del 2018

Roberto Mancini è pronto per affrontare una nuova stagione sulla panchina dell’Inter. Nei mesi scorsi, la permanenza a Milano del tecnico jesino era stata messa in dubbio dopo una stagione abbastanza deludente chiusa al quarto posto, dopo essere stati in vetta per ben 18 giornate di campionato. Erik Thohir ha sempre ribadito la sua piena fiducia nell’ex tecnico di City e Galatasaray, mentre il suo grande sponsor, Massimo Moratti ha spesso speso parole d’elogio nei suoi confronti. Il 6 giugno, il tycoon indonesiano ha ceduto la quota di maggioranza del club al miliardario cinese Zhang Jindong che ha acquisito il 68,55% delle quote nerazzurre. Thohir è rimasto con circa il 30%, mentre l’ex patron Moratti è definitivamente uscito di scena. Qualcuno aveva paventato l’ipotesi che la nuova proprietà volesse cambiare guida tecnica, in realtà Mancini resta saldo al suo timone forte del contratto fino al 30 giugno del 2017.

Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport Mancini, tra domani e mercoledì, interromperà le sue vacanze e tornerà a Milano per discutere con la nuova proprietà cinese circa il suo rinnovo di contratto. Secondo la rosea, la conferma è scontata ed è molto probabile che il suo attuale accordo venga allungato almeno fino al 30 giugno del 2018. Mancini sta lavorando a stretto contatto con il direttore sportivo Piero Ausilio per rinforzare la rosa e dopo gli arrivi di Ever Banega e Caner Erkin sono tanti gli obiettivi di mercato in casa nerazzurra: da Yaya Touré ad Axel Witsel, passando per Antonio Candreva fino ad arrivare a Domenico Berardi. Una cosa è certa: l'Inter vuole tornare protagonista e vuole lottare per lo Scudetto nella stagione 2016-2017 che dovrà essere quella del rilancio.

Commenti
Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Lun, 27/06/2016 - 14:39

Se l'Inter vuole ritornare grande, deve cominciare a trovare un allenatore: quello che c'è attualmente è buono solo per raccogliere patate nei campi.