Inter, il mese di dicembre spaventa i tifosi e Spalletti. Un anno fa fu debacle

Nel dicembre del 2017 l'Inter iniziò la sua fase calante con sconfitte pesanti e inaspettate. Spalletti e i tifosi fanno gli scongiuri sperando che questo ultimo mese dell'anno sia più produttivo rispetto a dodici mesi fa

L'Inter di Luciano Spalletti occupa la terza posizione in campionato alle spalle del Napoli di Ancelotti, secondo con 35 punti e della famelica Juventus capolista che di punti ne ha messi insieme 43 su 45. I nerazzurri hanno conquistato 29 punti in queste prime quindici giornate di campionato e nell'ultimo periodo i risultati non sono stati dei migliori, soprattutto nel mese "orribile" per l'Inter e per Spalletti: dicembre. Fino a questo momento la banda Spalletti ha pareggiato per 2-2 a Roma ed ha perso per 1-0 contro la Juventus il derby d'Italia.

I nerazzurri a dicembre avranno ancora cinque partite, una in Champions domani contro gli olandesi del Psv, e quattro in campionato: in casa contro Udinese e Napoli e in trasferta contro Chievo Verona ed Empoli. L'anno scorso il mese di dicembre iniziò bene con la netta vittoria sul Chievo Verona ma dopo quel successo l'Inter si sgretolò pian piano. Lo 0-0 di Torino contro la Juventus aveva fatto illudere i tifosi nerazzurri che solo un anno fa guidavano la classifica con undici punti in più rispetto ai 29 attuali, davanti a Napoli e Juventus.

Dopo aver domato a fatica una squadra di Serie C come il Pordenone in Coppa Italia, con i friulani piegati solo dopo i calci di rigore, le due sconfitte nette e inaspettate in campionato contro Udinese in casa e Sassuolo in trasferta minarono e non poco le certezze degli uomini di Spalletti che pareggiarono poi in casa con un sofferto 0-0 contro la Lazio e persero i quarti di finale di Coppa Italia contro il Milan di Gattuso, grazie alla rete siglata nei supplementari da Cutrone.

L'Inter, Spalletti e i suoi tifosi si augurano che questo dicembre 2018 sia invece produttivo e non da incubo come nella passata stagione. Una vittoria domani sera contro il Psv con la qualificazione in Champions e quattro vittorie di fila in campionato spazzerebbero via le critiche e rimetterebbero in una posizione di forza sia i nerazzurri che soprattutto Spalletti finito nell'occhio del ciclone per via di alcune scelte impopolari, come il cambio di Matteo Politano nel match contro la Juventus. La società, però, ha piena fiducia nel tecnico di Certaldo che resterà saldo al suo timone fino a fine stagione e anche oltre se raggiungerà gli obiettivi preposti.