Inter, Spalletti: "Perisic e Jovetic? Per me possono restare tutti"

Spalletti ha parlato di Jovetic e Perisic, che potrebbero lasciare l'Inter: "Bisogna vedere quella che è la loro intenzione, ci deve essere la disponibilità a far parte di una squadra"

L'Inter ha stupito tutti positivamente all'International Champions Cup 2017. I nerazzurri hanno vinto, bene, contro il Lione di Bruno Genesio, il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti e il Chelsea di Antonio Conte. La Beneamata ha dimostrato di avere già un'identità ben precisa nonostante manchino ancora diversi innesti per completare la squadra. Luciano Spalletti si è mostrato soddisfatto a metà per la vittoria contro i Blues che ha regalato anche il successo nel torneo: "Bene fino al 60', poi abbiamo iniziato a sbagliare. Non capisco perché si commettano errori in alcune fasi di gestione del pallone, non vedo perché si debba far bene per 60-70 minuti e poi smettere dando vantaggio a una squadra già forte. Può pesare il fatto che abbiamo giocato due giorni fa".

Spalletti però vede il bicchiere mezzo pieno in questa Tournée cinese dell'Inter: "Per la squadra questa è una vittoria importante perché i ragazzi vengono da un campionato con risultati non positivi. Aver trovato avversari di alto livello poteva crear loro qualche apprensione, il fatto che invece abbiano giocato con personalità e sicurezza mi rende molto felice. Abbiamo fatto tutto bene per un'ora di gioco, poi non siamo riusciti più a gestire palla per il pressing forte del Chelsea che ci ha creato problemi ad uscire. Comunque i ragazzi hanno fatto una buona partita, anche se per merito dei londinesi siamo stati un po' sulla difensiva e abbiamo perso qualche palla banale, evitabile".


Infine, l'ex allenatore della Roma, ha anche parlato di alcuni calciatori sul piede di partenza come Stevan Jovetic, Ivan Perisic ma anche di Antonio Candreva: "Jovetici? Ha avuto un problema al piede nei giorni scorsi ma oggi ha giocato molto bene e la cosa certo non mi sorprende. Trattative di mercato per Candreva? Assolutamente no, in quel ruolo non possiamo sostituirlo anche se questo mercato è imprevedibile. Perisic? E' un giocatore dell'Inter ma la cosa più importante è la squadra, non un solo giocatore. Ripeto, secondo me possono restare tutti, bisogna vedere quella che è la loro intenzione perché oltre alle qualità ci deve essere la disponibilità a far parte di una squadra"