Inter, Thohir incontra i cinesi del Suning: si cerca l'intesa sull'ingresso in società

Oggi potrebbe essere la giornata decisiva per capire qualcosa di più sul possibile ingresso in società di nuovi investitori all'interno dell'Inter

La sconfitta di Genova ha decretato ufficialmente che l’Inter di Roberto Mancini non è ancora una squadra matura. I nerazzurri, vincendo contro il Grifone, avevano la ghiotta opportunità di restare incollati alla Roma di Spalletti avendo, nel prossimo turno, un impegno più morbido al Meazza contro l’Udinese rispetto ai giallorossi che invece giocheranno contro il Napoli di Sarri. De Maio ha spento le residue speranze di poter centrare la tanto ambita Champions League, ed ora l’ultimo obiettivo dell’Inter è quello di blindare il quarto posto per evitare di giocare anche i preliminari di Europa League che sarebbero deleteri per la preparazione estiva.

Il Presidente Eric Thohir è deluso per l’ennesima occasione sprecata dalla sua squadra ma è sempre più convinto che sia Roberto Mancini l’allenatore giusto a cui affidarsi anche nella prossima stagione che dovrà essere, per forza di cose, quella della rinascita. Thohir, negli ultimi giorni è stato chiaro: la sua intenzione non è quella di vendere la società ma di farsi aiutare da investitori esterni per far sì che l’Inter torni grande in Italia e in Europa nel minor tempo possibile. Da settimane ormai c’è da registrare l’interesse del Suning Commerce Group. Secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, oggi una delegazione asiatica sarà presente ad Appiano Gentile per discutere con il numero uno del club di Corso Vittorio Emanuele dell’ingresso in società da parte del colosso cinese. La SCG vorrebbe acquisire il 20% complessivo della società nerazzurra, investendo una cifra compresa tra i 50 e i 60 milioni di euro, (il 14% da Thohir, che detiene complessivamente il 70% delle quote e il 6% da Moratti che ne detiene il 29,5%). Sempre secondo quanto riporta il quotidiano romano la delegazione dovrebbe essere composta da una decina di persone e ci sarebbe anche una bozza di contratto e dunque la conclusione dell’affare appare imminente. Thohir non ha intenzione di cedere la quota di maggioranza e parteciperà a questa operazione solo se lo farà anche Massimo Moratti. L’ingresso in società di nuovi investitori, seri, è il primo passo per riportare in alto il club nerazzurro che sta vivendo anni davvero difficili dal punto di vista sportivo.