Inter, Thohir: "Non cedo l'altro 30%, la gente parli pure"

Il presidente dell'Inter dopo l'annuncio della cessione del 68,5% della società ai cinesi del Suning Group: "Nell'era dei superclub ho bisogno di aiuto"

"Non è vero che venderò anche il restante 30%, però, ancora una volta, la gente può dire quello che vuole". Il presidente dell’Inter Erick Thohir, smentisce che il gruppo cinese Suning entrerà in possesso del cento per cento del club.

E a chi gli fa notare che più di una volta nei mesi scorsi aveva smentito di voler cedere la maggioranza del club nerazzurro, replica: "Io resto, credo nel progetto. Stiamo lavorando insieme alla dirigenza, abbiamo appena siglato una partnership importante. Vogliamo costruire qualcosa insieme". E spiega: "Non è stata una decisione facile ma credo in quanto è stato fatto. Questa è l'era dei superclub e non posso negarlo, ho bisogno d'aiuto. È importante che l'Inter cresca e che possa sostenersi".

Oggi Thohir e il presidente del colosso cinese degli elettrodomestici, Zhang Jindong, hanno annunciato ufficialmente la cessione del 68,5% delle quote della società nerazzura al gruppo. "Faremo un'Inter più forte e magnifica", ha promesso Jindong.