Inter, verso l'Eintracht con gli uomini contati: Spalletti fatica ad arrivare a 11

L'Inter di Spalletti dovrà fare di necessità virtù contro l'Eintracht in Europa League. Tra infortuni, squalifiche e giocatori non inseriti nella lista Uefa, il tecnico nerazzurro ha solo undici giocatori di movimento più tre portiere disponibili

L'Inter di Luciano Spalletti sta già lavorando per preparare al meglio il ritorno degli ottavi di finale di Europa League contro l'Eintracht Francoforte. I nerazzurri arrivano a questa sfida con le ossa rotte e con tante assenze dato che contro i tedeschi non ci saranno per squalifica Kwadwo Asamoah e Lautaro Martinez, mentre per infortunio non ci saranno Radja Nainggolan, Marcelo Brozovic, infortunatosi contro la Spal, Joao Miranda, uscito con il naso rotto dal match vinto contro gli estensi, e il lungodegente Mauro Icardi che sta ancora lavorando a parte per il persistere del problema al ginocchio. A loro vanno aggiunti Dalbert, Joao Mario e Roberto Gagliardini che non ci saranno in quanto non inseriti nella lista A, per le restrizione della Uefa.

L'Inter, dunque, avrà a disposizione solo quattordici giocatori della prima squadra: Handanovic, Cedric, de Vrij, Skriniar, D'Ambrosio, Vecino, Borja Valero, Candreva, Politano, Perisic, Keita. Dovrebbe essere questo l'undici titolare con l'opzione di vedere Andrea Ranocchia in campo al fianco di de Vrij con Skriniar a centrocampo e con Keita che andrebbe in panchina dato che è fermo dallo scorso 29 dicembre. Oltre a loro ci sono i due portieri di riserva Daniele Padelli e Tommaso Berni. In tutto questo Spalletti potrebbe decidere di attingere dalla lista B dove sono presenti i giocatori della Primavera che in questi giorni è impegnata nel Torneo di Viareggio. L'Inter, in realtà, avrebbe bisogno come il pane del rientro del suo ex capitano che invece continua a lavorare a parte e difficilmente aiuterà i suoi compagni a qualificarsi al turno successo di Europa League.

Commenti

wintek3

Mer, 13/03/2019 - 09:24

Hai visto come si fa a giocare (Juve) crapa pelata, impara e lo dico a malincuore da Interista a quella zucca vuota e presuntuosa di Spalletti.