Inter, Zhang è sicuro: "I cinesi faranno fare un salto di qualità alla Serie A"

L'Inter è passata nelle mani di Zhang Jindong, proprietario del Suning Commerce Group. Il potente miliardario cinese vuole portare in alto il club nerazzurro

Zhang Jindong, 53 anni, presidente del Suning Holding Group

L’Inter dal 6 giugno del 2016 è passata nelle mani del Suning Commerce Group. Eric Thohir ha ceduto la maggioranza, il 68,55%, e detiene ora il pacchetto di minoranza con circa il 30% delle quote nerazzurre. Il potente gruppo cinese, che fa capo al miliardario Zhang Jindong, è leader nella vendita di elettrodomestici in Cina e porterà capitali importanti all’interno del club di Corso Vittorio Emanuele. Massimo Moratti, dopo 21 anni, è uscito di scena ma ha dichiarato di fidarsi ciecamente del gruppo cinese che ha idee chiare e una solidità finanziaria che fanno ben sperare per il futuro.

Zhang Jindong si è fatto da solo e vuole riportare in alto l’Inter con un programma serio e mirato. Altre società in Europa come Granada, Atletico Madrid e Aston Villa hanno aperto agli investitori cinesi e anche il Milan di Silvio Berlusconi, ormai da tempo, ci sta facendo più di un pensiero. Zhang Jindong vede di buon occhio l’ingresso dei suoi connazionali nel mondo dello sport. Ecco le sue parole riportate dal sito cinese hea.e23.cn: “L’industria dello sport ha bisogno di campionati che siano altamente competitivi. Se si riescono a trovare delle aziende cinesi interessate ad investire, creando gruppi misti o singoli, tutta la Serie A potrà fare un salto di qualità verso l’alto. Ci possono essere così prospettive future, ma tanto dipenderà da quanto sarà forte l’intenzione di ogni singola impresa”.