Iran, proteste di piazza a Teheran dopo l'addio di Stramaccioni

In Iran scoppia la rivolta dopo l’addio di Stramaccioni per problemi legati ai pagamenti dello stipendio

L'addio di Andrea Stramaccioni non è andato giù ai tifosi dell’Esteghlal, scesi in piazza per protestare dopo la rescissione contrattuale con il club di Teheran.

Una manifestazione di piazza non per motivi politici ma per Andrea Stramaccioni. A Teheran, centinaia di persone hanno manifestato sotto la sede del Ministero dello Sport dopo l’addio del tecnico romano, che nella giornata di ieri ha rescisso il contratto unilateralmente per giusta causa. Una decisione, secondo quanto riferisce l'Ansa, arrivata dopo la conferma da parte del club di aver aggirato alcune sanzioni internazionali rivolte all'Iran riguardanti il pagamento irregolare degli stipendi. I tifosi dell'Esteghlal, la principale squadra iraniana, si sono schierati dalla parte di Stramaccioni e sono scesi in piazza per protestare contro dirigenza e Ministero dello Sport, che detiene la proporietà del club. Per evitare ulteriori problemi dopo le tensioni sociali delle ultime settimane: le autorità stanno valutando l'ipotesi di far giocare a porte chiuse la sfida di campionato in programma oggi che vedrà impegnato proprio l’Esteghlal.

Un'avventura a dir poco turbolenta quella del tecnico romano nel campionato iraniano, terminata nella giornata di ieri con l'annuncio da parte dell'Esteghlal che ha ufficializzato l'addio al club con effetto immediato. La decisione è arrivata dopo mesi e mesi di caos, con l'ex tecnico di Inter e Udinese che si era sempre espresso con toni molto molto duri nei confronti della propria dirigenza denunciando dei gravissimi inadempimenti contrattuali del club riguardanti soprattutto i pagamenti. Nel comunicato l'Esteghlal ha spiegato che la scelta è stata presa da Stramaccioni e da tutto il suo staff che hanno risolto unilateralmente il loro contratto. La decisione è arrivata nonostante gli ottimi risultati nel campionato, la squadra è prima in classifica al momento dopo ben 8 vittorie consecutive e si è qualificata ai quarti della coppa nazionale mentre lo stesso Stramaccioni era stato premiato come migliore allenatore asiatico.

Una scelta difficile ma allo stesso obbligata per l'ex allenatore interista che insieme ai collaboratori Marco Caser, Sebastian Eduardo Leto e Omar Danesi, ha scelto di inviare una nota all'Ansa nella quale ringrazia "tutti i giocatori della prima squadra dell'Esteghlal e il resto dello staff per le grandi prestazioni e la collaborazione professionale ricevute che hanno permesso alla squadra di raggiungere la vetta la classifica, nonostante tutte le difficoltà di questi ultimi mesi. Ultimo ma non meno importante il tecnico ringrazia di cuore i tifosi dell'Esteghlal per l'incredibile sostegno manifestato durante tutto questo periodo e augura loro di poter festeggiare con la loro squadra tutti i successi che meritano. Con il cuore spezzato sono costretto a partire sperando un giorno, in futuro di poter stare di nuovo insieme''.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?