Italia-Svezia, Civoli: "È pure una sconfitta di Allegri"

Il cronista della Rai, Marco Civoli, durante il suo commento ha messo nel mirino anche il tecnico bainconero. Bufera sui social

Il disastro azzurro con la mancata qualificazione della Nazionale a Russia 2018 di fatto continua a far discutere. La ferita brucerà a lungo. Nell'attesa che il Ct Giampiero Ventura decida sul suo futuro, le voci di probabili dimissioni sono sempre più insistenti, si scatenano le polemiche nel day-after. E a finire nel ciclone è anche il commentatore della Rai, Marco Civoli. Proprio quel Civoli che a Berlino 2006 urlò: "Il cielo è azzurro sopra Berlino", durante il suo commento nel post gara ha affermato che la sconfitta della Nazionale è anche una sconfitta per Allegri. Così ha tirato in mezzo anche l'allenatore della Juventus. "Questa sera ha perso tutto il calcio italiano. Ha perso anche Massimiliano Allegri, è l’idea che voglio darvi...", ha affermato il cronista sportivo di Viale Mazzini. Apriti cielo. Le sue parole non sono state digerite dai tifosi della Juventus che hanno immediatamente attaccato il giornalista sui social: "Oggi ha perso anche Massimiliano #Allegri!!! Cit. Civoli. Andrebbe cacciato anche lui!!!", scrive un utente. E ancora: "Tanto per Civoli ha perso allegri e bernardeschi che fa panchina alla juve esempi a caso. Te pareva che non metteva la Juve in mezzo". Qualcuno è ancora più netto: "Voglio rispondere a #Civoli, max allegri non ha nessuna colpa, punto". Insomma per cronista della Rai non è stata di certo una serata facile...

Commenti

guerrinofe

Mar, 14/11/2017 - 19:29

La sconfitta e solo dei fans, per i dirigenti importante é solo L'estratto conto e quello nessuno tocca!

qwewqww

Mer, 15/11/2017 - 10:08

Ha detto la verità. La sconfitta dell'Italia è anche a causa di tutti i giocatori raccomandati (per alzarne il prezzo) in nazionale dalla figc romana e del palazzo confindustriale calcistico (juve, roma, napoli e lazio) quello che controlla tutto il calcio italiano (arbitri compresi), indirizza le partite in Italia, ma quando va all'estero solo magre figure.