Juve, una Supercoppa per dimenticare Cardiff «Sfruttiamo la rabbia»

Allegri carica i suoi e lancia Dybala con il n°10 Ma Joya e Keita potrebbero lasciare i due club

Marcello Di Dio

Roma Nella notte in cui la Supercoppa italiana torna a Roma e in Italia dopo 4 anni (nel 2015 è scaduto il contratto con la Cina e rigiocare in Qatar come otto mesi fa era diventato pericoloso) si ritrovano di fronte due habitué della finale. Juventus contro Lazio, le squadre che nel maggio scorso sul medesimo palcoscenico si erano contese la coppa Italia.

È la stessa situazione di 24 mesi fa, quando i bianconeri ripresero la stagione dopo il ko nella finale di Champions con una rosa rinnovata. Nell'estate 2015 lasciarono la Juve Vidal, Pirlo e Tevez e il gruppo di Allegri ripartì vincendo il trofeo contro i laziali a Shangai, nel mercato in corso la cessione eccellente è stata quella di Bonucci, forse ancora più clamorosa delle altre anche perché ha diviso la mitica BBBC. «Ma siamo sempre noi, c'è voglia di mettere in bacheca un altro trofeo, i primi verdetti li daremo dopo 15 partite», dice Gigi Buffon che inizia la sua ultima stagione con «euforia» e potrebbe vincere la settima Supercoppa.

Allo stadio Olimpico, con più di 50mila spettatori sugli spalti a dispetto della data ferragostana, ci sarà il debutto di Paulo Dybala con la maglia numero 10. Quella di Sivori, Platini e Del Piero, tanto per fare alcuni nomi. Un'investitura da parte del club che è anche una sorta di blindatura del giocatore per il quale la corte del Barcellona, a caccia del sostituto di Neymar, non accenna a diminuire.

Ieri Mundo Deportivo parlava di un'offerta da 120 milioni comprensivi di contropartite tecniche (Andrè Gomes, Rakitic e Rafinha i nomi tra cui scegliere) ma il giocatore non è più in vendita da quando ha ricevuto l'onore della 10 dalla valenza inarrivabile per prestigio e in ambito commerciale. «In questo gruppo nessuno più di Paulo poteva ricevere una tale gratificazione - così Buffon -. È un segnale responsabilizzante, un talento come lui, con quel tipo di carattere e di voglia di vincere può indossare degnamente questo numero». Dybala, fresco di contratto rinnovato fino al 2022 alle stesse cifre di Higuain (circa 7,5 milioni a stagione), non cambierà così casacca a meno di clamorosi ribaltoni. E stasera, nella gara che rappresentò due anni fa l'esordio ufficiale in bianconero (bagnato da un gol), vorrà essere protagonista. «Dovremo trasformare la rabbia di Cardiff in voglia di vittoria, come nel 2015 dopo Berlino - è il messaggio di Allegri che ha sposato ancora la causa bianconera dopo la tentazione di dimissioni per il ko con il Real - la forza della Juve è stata sempre quella di rispettare gli avversari. Il club sta lavorando sulla continuità e sul futuro, portando in rosa giovani che devono capire che ogni palla giocata in bianconero è importante».

Un altro virgulto che potrebbe a breve essere arruolato nella truppa di Allegri è il laziale Keita. I cui mal di pancia estivi sono stati ancora più forti di quelli dell'anno scorso. Nel mezzo una stagione brillante dopo la ricucitura favorita da Simone Inzaghi e dal lavoro oscuro del club manager Angelo Peruzzi. Ora però le strade sembrano dividersi: non c'è ancora l'accordo (la Juve offre 18 milioni, Lotito ne vorrebbe 30) ma in molti sono convinti che da qui al 31 agosto l'affare si farà. Lo stesso Inzaghi sembra esserne convinto, tanto che stasera non lo proporrà titolare, forse perché non lo vede psicologicamente a posto: «Sapete tutti com'è la situazione, ci sono delle voci, io osservo tutti e tutto: se vedrò che Keita potrà darmi il 100% avrà la sua chance, altrimenti giocheranno altri che avranno più forza e voglia». Messaggio chiaro, il senegalese entrerà in corso d'opera se la gara si metterà al peggio. «Servirà la partita perfetta e non solo buona, come le 4 che ho già giocato e perso contro i bianconeri di Allegri», così Inzaghi che non vuole vestire i panni della vittima predestinata. Sempre che la Juve non metta quelli del solito cannibale.