Las Vegas entra nel vivo: nove italiani al day4

In attesa dei report ufficiali delle World Series Of Poker la truppa italiana appare decimata anche se qualche player può recitare la parte del leone e giocare un grande day4. La notizia, però, è che si chiude il day3 senza aver raggiunto i premi con 720 players rimasti in gara sugli oltre 6.500 iscritti e con la zona in the money che distribuirà i premi a 666 giocatori. Nove gli italiani che passano al day4 con l'exploit di Davide Catalano e Stefano Fiore a chiudere cortissimo ma ancora vivo il day3 del main Wsop.
Davide Catalano, giovanissimo, chiude a 652.000 chips. Ottimo il day3 di Alessio Isaia di Goldbet che chiude a 500.000 chips mentre chiudono intorno all'average Marco Ruggeri di Sisal Poker con 417,000 chips, quindi Marco «Magic Box» Bognanni del team pro Enjoybet.it, uno dei più seguiti e tifati dagli appassionati italiani con 349,000 chips, quindi l'indistruttibile Salvatore Bonavena con 197,000 chips, Cristiano Guerra anche lui di Sisal Poker che imbusta 124,000 chips e l'altro lottatore Massimo MaxShark Mosele che riesce a raggiungere il day4 messo non benissimo con 113,000 chips.
Out eccellenti quelli di Filippo Candio, Simone Gatto, Marco Traniello, Alessandro Sarro, Claudio “Swissy” Rinaldi e Andrea Carini che poteva chiudere la triplete per il team Sisal al day4.
Ma a sfondare tutto e tutti è Dave D'alesandro, Doubledave22, giocatore che ha vinto un milione di dollari solo online e che punta dritto verso i premi visto che per mettere nel mirino il final table e le primissime posizioni ci vogliono ancora molte ore di gioco. Chiude comunque con 1,1 milioni di chips che rappresentano il doppio abbondante dell'average. Chi andrà a premi uscendo dopo la bolla avrà 19,000 dollari in tasca e una bandierina prestigiosa. Ma la prima moneta dei sogni è da 8,5 milioni di dollari più il preziosissimo braccialetto d'oro da campione del mondo di poker.
Nel day3 Erano ripartiti in 1,738 e ci sono volute 12 ore di gioco per eliminarne più di 1,000 ma senza arrivare ai premi. Tantissime le eliminazioni eccellenti ma anche molti i nomi dei sopravvissuti come Vanessa Selbst, David "ODB" Baker, Shawn Buchanan, Marcel Luske, Jason Somerville, Maria Ho, Daniel Negreanu, Sorel Mizzi, Mike McDonald, Shaun Deeb e Antonio Esfandiari, ancora lui in grande spolvero e intenzionato a scrivere ancora pagine e pagina nella storia del poker mondiale.
Ora diventa dura e sarà un day4 che riparte dal livello 2,500/5,000. Si inizia a spingere forte per cercare di sfruttare il gioco in bolla e non bisogna avere paura.
E' proprio questa una delle qualità che premia in questo torneo dove molti players sono condizionati dal blasone dello stesso e forse dal buy in decisamente importante che non si paga certo tutti i giorni.
Gli italiani in gioco sono un'ottima espressione del nostro poker e ci danno fiducia per il raggiungimento di grandi risultati. Niente pronostici, bisogna solo tifarli e giocare un grande poker. Raccoglieremo quello che viene con serenità e con stima verso questi campioni.