Lazio e Roma non si fanno male nel derby: finisce 0-0 all'Olimpico

Finisce 0-0 il derby tra la Lazio di Inzaghi e la Roma di Di Francesco. La lotta per la Champions League resta viva più che mai con giallorossi e biancocelesti che salgono a quota 61 punti, uno in più dell'Inter di Spalletti

Dopo le fatiche, le gioie e i dolori di coppa, la Lazio di Simone Inzaghi e la Roma di Eusebio Di Francesco sono tornate in campo per giocarsi un derby fondamentale in chiave Champions League. La stanchezza ha però avuto la meglio sulle due squadre che hanno dato comunque vita ad una Stracittadina combattuta, equilibrata e con alcune occasioni ghiotte per poter vincere la partita. La Lazio ha forse avuto più chance per far male con la Roma che ha colpito due legni per tempo, un palo con Bruno Peres e una traversa al 91' con Dzeko. Questo punto muove di poco la classifica con Roma e Lazio che si portano a quota 61 punti e staccano di una lunghezza l'Inter di Luciano Spalletti: per la lotta Champions League è ancora tutto aperto e forse lo sarà fino alla 38esima giornata.

Lazio più aggressiva ad inizio primo tempo con Parolo che al 7' prova il tiro in porta ma svirgola il tiro al volo di sinistro. La partita resta combattuta con la Roma che pian piano sale di tono e al 38' si costruisce la migliore azione della partita con Bruno Peres che calcia di destro e colpisce il palo a Strakosha battuto. Brivido nel finale di primo tempo con Alisson che calcola male i tempi di uscita e per poco non viene beffato da de Vrij. Nella ripresa è ancora la Lazio a partire con il piglio giusto con Immobile che si fa ribattere il tiro da Manolas al 51'. Al 63' Alisson è sicuro sul gran tiro di Marusic. Al 66' Immobile si divora il gol del vantaggio e quattro minuti dopo De Rossi rischia l'autogol. Luis Alberto si rende pericoloso al 75' ma la Lazio resta in dieci uomini al 78' per il doppio giallo comminato a Radu per fallo su Under. Nonostante l'inferiorità numerica sono sempre i biancocelesti a fare la partita con El Shaarawy che salva tutto su Marusic. Dzeko colpisce di testa al 90' ma Strakosha dice di no in tuffo, mentre un minuto dopo, sempre di testa, il bosniaco colpisce la traversa. Al 95' Milinkovic-Savic prova a beffare Alisson con un tiro da lontanissimo ma la palla termina fuori.

Commenti
Ritratto di cape code

cape code

Lun, 16/04/2018 - 02:32

Adios ciucci. E pensare che avevate perso l'EL per vincere lo scudetto...ahahah poveri provinciali.