Lazio & Verona a braccetto fuori dall'Europa

Roma L'Olimpico riapre dopo la drammatica serata di Coppa Italia e consegna un punto a Lazio e Verona che potrebbe spegnere il sogno europeo di entrambe. Contava solo vincere e le due squadre hanno provato a farlo, regalando un piacevole spettacolo ai pochi spettatori presenti. La squadra di Reja riagguanta il pari nel recupero, esattamente come accaduto contro il Torino, ma il 3-3 fotocopia di quello del sabato di Pasqua accresce il rammarico dei biancocelesti e rappresenta una sorta di spartiacque per il club di Formello: senza l'Europa League, Lotito farà partire la rivoluzione estiva nel segno dei giovani.
Il Verona assapora il gusto della vittoria fino al 47' della ripresa, dopo che Romulo aveva spinto in porta un pallone che stava per rivelarsi il più importante di una stagione comunque splendida. La truppa di Mandorlini aveva spazzato via senza difficoltà l'etichetta di neopromossa per indossare i panni della sorpresa più lieta della serie A.
Nella girandola del risultato (Lazio due volte avanti, Verona bravo a recuperare e a mettere la freccia grazie anche ai cambi del tecnico scaligero) l'ultimo zampino è quello di Miro Klose: il tedesco, fresco di rinnovo, entra in campo a 20 minuti dalla fine dopo un mese di assenza, conquista un rigore e fa espellere Albertazzi (pochi minuti dopo il rosso a Lulic). Mauri si fa parare il penalty da Rafael, ma poi ribadisce in rete e gela le speranze del Verona.
L'ultima immagine del match è il duro faccia a faccia tra Reja e Mandorlini, forse proprio per quel rigore finale contestato dai veneti. Entrambi sono ora con un piede fuori dall'Europa.

Commenti

gyxo

Mar, 06/05/2014 - 20:44

I capolavori di mazzoleni.!° ammonire Iturbe al primo fallo non da ammonizione dopo di aver perdonato numerose falciate scorrette su Iturbe.2°Concedere un rigore inesistente alla lazio surclassata dal verona.3° ammonendo quasi a senso unico i veronesi che saranno cosi' penalizzati al prossimo turno.Bravo mazzoleni continua cosi'che in questo balordo mondo del calcio farai carriera.Consiglio i dirigenti degli arbitri di eliminare i nullafacenti e perciò inutili giudici di linea di fondo,il quarto uomo perchè tutti risultano pressochè insignificanti e spessissimo volutamente non vedenti.Mi chiedo a quanti club che vanno per la maggiore questa specie di arbitro bergamasco avrebbe dato rigore contro.Balordi signori del calcio cosi' non va.Vergogna, Bonjour Tristesse.