L'azzurro Simone Favaro lascia il rugby per entrare in Polizia

Il giocatore ha fatto sapere di essere certo che nelle Fiamme Oro tornerà ad essere quello così tanto stimato da vari ct azzurri

L'azzurro del rugby Simone Favaro, 33 presenze in Nazionale di cui una da capitano contro Tonga nel novembre scorso, lascia il professionismo (era ai Glasgow Warriors) e va in Polizia. Giocherà infatti nel campionato italiano di Eccellenza (che, almeno teoricamente, non dovrebbe prevedere squadre con giocatori professionisti a tempo pieno) con il team delle Fiamme Oro, composto appunto da elementi che fanno parte, con tanto di bando, del corpo della polizia di Stato.

Sembrava una fantasia di mercato, invece èdiventata ufficialmente realtà. Ne danno notizia le stesse Fiamme Oro con un comunicato, in cui si precisa che Favaro "ha accettato la proposta del club cremisi e sarà a disposizione di coach Gianluca Guidi dal prossimo 21 agosto, giorno in cui le Fiamme si troveranno a Ponte Galeria dopo aver effettuato una settimana di ritiro presso la Scuola allievi agenti di Spoleto e altri sette giorni di riposo".

Cresciuto nel vivaio del club della sua città, il Benetton, il 29enne flanker trevigiano ha fatto parte del primo gruppo di atleti che si sono formati all'alto livello presso l'Accademia Federale di Tirrenia, e poi ha giocato a Rovigo, Parma e, con l'approdo in Pro12, prima negli Aironi, poi a Treviso e infine nei Glasgow Warriors.

Reduce da vari problemi fisici, Favaro fa sapere di essere certo che nelle Fiamme Oro tornerà ad essere quello così tanto stimato da vari ct azzurri, in primis l'attuale "nocchiero" della Nazionale, Conor O'Shea.