La Liga attacca Psg e Manchester City: "L'Uefa vigili sul loro operato"

Il Presidente della Liga, Tebas, non ci è andato giù per il sottile: "I trasferimenti sono il risultato finale di anni di doping finanziario da parte del Psg"

Il Psg dello sceicco Al-Khelaifi ha strappato Neymar al Barcellona per la cifra di 222 milioni di euro. La Liga spagnola, per qualche giorno, aveva tentato di opporsi al trasferimento del brasiliano rifiutando i soldi del club francese. Naturalmente, alla fine, il trasferimento del 25enne ex Santos si è concretizzato con buona pace di tutti, anzi no. La Liga, in realtà non ha mai mollato il colpo e ha diramato un duro comunicato ufficiale chiedendo alla Uefa di indagare sui movimenti finanziari del Psg e del Manchester City.

Ecco le parole del Presidente della Liga Javier Tebas, riprese dal quotidiano spagnolo Mundo Deportivo: "Il Psg ormai da anni viola il regolamento del Fair Play finanziario. La cosa importante é che l'UEFA non guardi solo agli ultimi trasferimenti ma alla sua storia non conforme alla regole. I trasferimenti sono il risultato finale di anni di doping finanziario da parte del club francese. I finanziamenti di Psg e Manchester City da parte di stati hanno distorto le competizioni europee e creato una spirale di inflazione che sta minacciando l'industria del calcio. L'Uefa deve rinforzare il regolamento su questo argomento per evitare discriminazione tra i vari club".