Lindsey Vonn ora sfida gli uomini nella discesa libera

La campionessa americana vuole il via libera per la competizione di Lake Louise

Una carriera da record nello sci femminile e quel desiderio mai sopito di mettersi alla prova anche contro i colleghi maschi, per dimostrare che ce la può fare e che se magari non vincerà, almeno potrà dire di averci provato. È questo il desiderio ancora irrealizzato di Lindsey Vonn che presto, se la federazione statunitense avrà successo, potrebbe essere accontentato.

Dopo 77 vittorie e 130 podi, Lindsey si sente di dover affrontare un'ultima sfid e per questo ha chiesto l'aiuto della sua federazione per intercedere presso quella internazionale e ottenere di scendere in pista nella gara maschile di Lake Louise, nel 2018.

"Penso di essermi guadagnata abbastanza rispetto per avere quest'occasione", ha dichiarato la Vonn, che a 33 anni e con in mente di ritirarsi al termine della prossima stagione, sa di non avere più molto per provarci ancora. Contro gli uomini questa volta. Per dismostrare che la stoffa del campione non è un fatto di sesso.

Commenti
Ritratto di laghee100

laghee100

Gio, 28/09/2017 - 20:51

mi sarebbe piaciuto vedere anche una sfida tra Venus Williams e qualche maschietto (non Federer Naadal Murray ) al limite dei due set !!!!

schiacciarayban

Ven, 29/09/2017 - 09:17

Credo che la Vonn abbia la stoffa per entrare nei primi 20 uomini, ma non capisco cosa voglia provare. E se danno il permesso alla Vonn, allora perchè non la Gut in Gigante o la Shiffrin in Slalom? A questo punto tutte potrebbero chiedere di provarci, sinceramente non vedo il punto, oltretutto la Vonn che non è più al top, richia anche di fare una figuraccia!

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Ven, 29/09/2017 - 09:53

Chiunque capisca un poco di sci sa che che la Von dai maschietti, in una discesa tecnica di 2 minuti prenderà circa 6 secondi dai primi. Non capisco perchè, se non per soldi, grandi campioni si umiliano in queste farse da circo equestre. Per fare un esempio, nel pattinaggio di velocità sul ghiaccio (quindi in situazioni tecniche paritarie), dove reattività e forza fisica (come nello sci) sono fondamentali, in gare di meno di due minuti la differenza tra i due sessi è di circa 10 secondi.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Ven, 29/09/2017 - 09:54

laghee100: nel tennis non c'è storia, la differenza fisica tra uomo e donna è abissale. Nello sci ci potrebbe essere qualche possibilità di competizione, soprattutto per un'atleta "di peso" come la Vonn, in quanto la potenza fisica non è l'unica variabile nella fase di discesa.

Angelo664

Ven, 29/09/2017 - 10:57

Grande ! Spero pubblicizzino la cosa perché comunque la trovo molto interessante. Nello sci probabilmente la differenza non è così marcata. Nel tennis invece, al contrario di ciò che dice un lettore, la differenza è abissale ! Nessuna tennista sarebbe in grado di portare a casa un incontro. Basterebbe organizzare un match tra La Williams ed uno dei top al mondo maschili e vedere cosa succede. Probabilmente si dovrà scendere centinaia di posti nel ranking mondiale per iniziare ad avere delle possibilità. Il tennis è troppo fisico da un po' di anni a questa parte. Non ci sono chances.

schiacciarayban

Ven, 29/09/2017 - 11:31

Tanto per fare un esempio, quando avevo 20 anni ed ero buon Gigantista a livello regionale, ma nulla più, ho avuto modo di allenarmi con Claudia Giordani, ai tempi probabilamente tra le prime 5 al mondo, e l'ho quasi sempre battuta! La differenza tra maschi e femmine allora era abissale, e non credo che sia cambiata molto al giorno d'oggi. Basta vedere le coscie della Vonn e quelle di Innerhofer... Io credo che la Vonn da Inner prenderebbe sicuramente più di 5 secondi.

cir

Ven, 29/09/2017 - 12:29

non potrebbe mai farcela , a meno che non sfidi un brocco come me . nello sport saranno sempre impari queste sfide, come il cavallo contro un podista.