L'Inter affonda sotto i colpi di Birsa: esordio amaro per de Boer

L'Inter affonda sotto i colpi dell'ex rossonero Valter Birsa che la punisce per ben 2 volte. Brutto esordio per i nerazzurri, ottima vittoria del Chievo

L’Inter ricomincia come aveva concluso la passata stagione: perdendo. Il Chievo Verona punisce i nerazzurri per 2-0 con la doppietta dell’ex rossonero Valter Birsa. Esordio amarissimo in Serie A per Frank de Boer che non è riuscito a dare la scossa ai suoi ragazzi dopo l’addio di Roberto Mancini. Male quasi tutti i nerazzurri con una difesa in bambola e con Banega-Candreva fuori condizione. Icardi è stato spesso fuori dal gioco e non è mai riuscito a battere a rete. Il Chievo, invece, ha dimostrato di essere in forma ed ha meritato la vittoria con ripartenze letali che hanno fatto male all’Inter che ha fatto molta fatica ad arginare gli attacchi dei clivensi. Il tecnico olandese è alla guida dei nerazzurri da soli 13 giorni ed avrà tutto il tempo per recuperare anche se la squadra ha dato l'idea di non avere un gioco e di essere in pesante ritardo di condizione.

LA CRONACA DELLA PARTITA

Primo tempo equilibrato allo stadio Bentegodi di Verona tra l’Inter di Frank de Boer e il Chievo di Rolando Maran. Al 5’ minuto i padroni di casa reclamano un rigore per un fallo di Ranocchia, dentro l’area di rigore su Meggiorini: Irrati ha lasciato correre. Al 16’ minuto il primo squillo è dell’Inter con la rasoiata di Eder, preferito a Perisic, che chiama alla grande parata Sorrentino. Al minuto 17’, ancora pericolosi i nerazzurri con la doppia occasione sui piedi di Ranocchia e D’Ambrosio: si salva ancora il Chievo. Al minuto 40, però, è la squadra clivense ad andare ad un passo dal gol con Meggiorini che si invola in campo aperto e va al tiro rasoterra che si spegne lentamente alla sinistra di Handanovic.

Il secondo tempo inizia con gli stessi 22 interpreti della prima frazione ed il Chievo si porta subito in vantaggio con la rete di Birsa, al 48’, che raccoglie l’assist da destra da parte di Cacciatore mette a sedere con una finta due difensori nerazzurri e batte di destro Handanovic. Minuto 50’, l’Inter prova la reazione con Candreva che non riesce a trovare la porta su un tiro di contro balzo. Minuto 52’, tiro di Castro da fuori area: para Handanovic. Minuto 54’, Inter in bambola: i padroni di casa partono con un contropiede velocissimo ed arrivano al tiro con Birsa ma la palla viene deviata in angolo. Minuto 59’, angolo di Eder e testa di Miranda: palla fuori. Minuto 65’: Banega la mette in mezzo dalla destra e la palla sorvola tutta l’area di rigore non trovando la deviazione di nessun compagno. Minuto 68’, Birsa va per vie centrali: il suo tiro va alto sulla traversa. Minuto 80’, ecco il 2-0 del Chievo con Birsa che fa secco Handanovic da fuori area con un gran gol di Birsa che ancora di destro buca il portiere sloveno dell’Inter. Minuto 84’ Palacio la mette di testa per Icardi che viene anticipato in angolo da Sorrentino. Minuto 87’, Chievo vicino al 3-0 con Inglese: Handanovic la mette in angolo con un colpo di reni. Minuto 90’ tiro da fuori di Kondogbia: palla alta. Non succede più niente e dopo 4 minuti di recupero l’arbitro Irrati manda tutti sotto la doccia.

Commenti

COSIMODEBARI

Lun, 22/08/2016 - 08:47

Non so quanti allenatori del campionato italiano avrebbero tenuto Perisic in panchina fino a pochi minuti dal termine. E quanti altri ancora con l'impellenza di dover rimontare lo svantaggio, quindi di alimentare il gioco sulle fasce, fonte di passaggi finali al centro avrebbero fatto il cambio fuori Candreva e dentro Perisic. Per fare questi cambi bastava tenersi Mazzarri. Detto questo, l'Inter ha poi avuto negli ultimi tre/quattro anni e continua ancora oggi dei tecnici non vedenti la situazione della difesa e del centrocampo (zona dove ci vogliono sempre fini creatori ed interditori del gioco del calcio) fatta di calciatori di mezza tacca, che ieri hanno fatto rimpiangere persino Jesus ed Alvarez, per non dire di Kovacic. Cercano Gabigol&Co., ma se non hai chi produce gioco anche questi in campo farà la fine che fanno fare ad Icardi (16 reti a campionato, stessa media di Borriello).

Iena_Plinsky

Lun, 22/08/2016 - 12:10

Zanetti ha fatto fuori Mancini per tenersi e strapagare Icardi. Questi sono I risultati.