L'Inter fa notizia vincendo E la Lazio si sveglia quinta

L a non notizia diventa uno scoop: l'Inter ha vinto. L'evento viene celebrato, di colpo, con il terzo posto, fino a ieri quasi un sogno. Non conta come ma conta il risultato, anche se il Bologna ha chiuso in 9, per due espulsioni sacrosante. Capita invece che la Lazio, nel giro di due turni, da sicura candidata alla Champions, si risvegli dal sogno con l'incubo reale del quinto posto, fuori dal giro, per colpa di due sconfitte, senza alibi quella con il Genoa, prevedibile quella di Napoli anche se le due facce, tra primo e secondo tempo, offerte dalla squadra di Inzaghi, non possono avere spiegazioni se non nella mancanza di personalità, tra molti narcisi e alcune gaffe difensive. Inter e Roma, quest'ultima ha scoperto il gioiello turco Cengiz Under, alle spalle dei soliti noti in fuga. Il Napoli è una cosa bella, si sapeva, esaltata, sabato notte, dallo svenimento della Lazio che non si è scansata, usando immagini tanto care ai webidioti, ma è stata messa da parte dal gioco di Sarri e dalle proprie deficienze. La Juventus non è affatto affascinante ma fa quello che deve fare una squadra forte, vincere a prescindere. Se il Napoli deve fare i conti con l'assenza di Ghoulam nessuno può trascurare che la Juventus abbia fuori lista tre titolari, Dybala, Cuadrado e Matuidi, soprattutto quest'ultimo che porterà Allegri a rivedere la linea di centrocampo contro il Tottenham. A parte la coppia di testa, dunque, la sfida a tre si riduce a due, mentre il Milan, in silenzio ma con i fatti, risale e pensa di approfittare delle beghe altrui. Finalmente Belotti è tornato al gol (su quello annullato dal Var all'Udinese si potrebbe discutere fino a luglio), la vittoria già eccita il popolo granata in vista del derby di domenica prossima, con orario improbabile, alla mezza come si usa dire in Piemonte. Sarà, per alcuni, un'ulteriore trappola per la Juventus, considerato che il Napoli giocherà subito dopo, ancora in casa, contro la Spal, con Sarri di nuovo in tribuna.