L'Italia si fa riprendere nel finale: finisce 1-1 contro l'Olanda all'Allianz Stadium

Il gol di Ake, all'88', ha permesso all'Olanda di ottenere un pareggio prezioso e prestigioso contro l'Italia di Mancini. L'1-1 di Torino chiude così il trittico di amichevoli disputate dagli azzurri con Mancini che ha potuto trarre diverse indicazioni positive e negative

L'Italia di Roberto Mancini chiude con pareggio il trittico di amichevoli disputate nel giro di una settimana. Gli azzurri non sono andati oltre l'1-1 contro l'Olanda di Ronald Koeman: al gol di Zaza, siglato al 67', ha risposto Ake a due minuti dal novantesimo. L'Italia ha disputato una buona gara contro un avversario in fase di transizione proprio come gli azzurri che hanno però giocato meglio e fatto vedere ottime cose: peccato che questo non sia bastato per vincere. Da segnalare anche l'espulsione di Criscito che ha costretto l'Italia a giocare in dieci uomini per oltre venti minuti. Alla fine, forse, la stanchezza si è fatta sentire con l'Olanda che ha punito la nostra nazionale con il gol del pareggio che rimanda i ragazzi di Mancini. La strada da fare è ancora lunga ma la nazionale vista stasera all'Allianz Stadium ha dimostrato di aver ottimi giovani sui quali ripartite, ma soprattutto di aver qualità per potersi rilanciare: toccherà al tecnico jesino riportare in auge una gloriosa nazionale come l'Italia.

L'Italia parte fortissimo e passa subito in vantaggio al 3' con Belotti su assist di Cristante. L'arbitro però annulla per posizione di fuorigioco e solo dopo aver consultato il Var. Gli azzurri continuano a premere con il capitano Insigne e con Verdi e al 32' Belotti si divora il gol del vantaggio calciando in bocca a Cillessen. Verdi tra il 35' e il 42' non inquadra la porta per poco, mentre un minuto dopo Vormer salva sulla linea il colpo di testa di Criscito. Nella ripresa è l'Olanda ad essere più intraprendente e al 60' Vilhena per poco non segna in rovesciata. Al 63' entra Zaza che ci mette solo quattro minuti per trovare il gol del vantaggio su assist al bacio di Chiesa. Al 69' Criscito commette fallo da ultimo uomo e viene espulso, due minuti dopo Perin salva tutto sulla punizione di Depay. Vilhena al 79' si rende pericoloso ma ha solo l'illusione ottica del gol. All'81 Perin para bene il tiro Berghuis e la mette in angolo. Chiesa all'86' impegna Cillessen con una parata di piedi, mentre all'88' Ake gela l'Allianz Stadium con un colpo di testa che batte Perin per l'1-1 finale.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 05/06/2018 - 08:27

se c'era bisogno di chiarire ancora una volta chi comanda il calcio in italia, questa è l'ultima(in ordine di tempo)prova. questo calcio scalcagnato senza futuro e in virtù delle porcherie che si fanno in italia.la nazionale di (s)calcio italiano che gioca le partite ufficiali in uno stadio privato! vorrei sapere in virtù di quale ragionamento è stato scelta una proprietà privata, è la nazionale che paga per giocare in quello stadio o è la juventus che paga la nazionale per giocare nelle stadium?

Ernestinho

Mar, 05/06/2018 - 08:33

E' un'italia che non farà molta strada! Senza gioco e con numerose falle in difesa, che vengono a galla ad ogni partita!

yulbrynner

Mar, 05/06/2018 - 23:41

calciatori molto scarsi gli italiani e molto sopravvalutati da giornalisti sportivi da strapazzo come sempre!