Livio Suppo (Honda): "Complotto? Anche colpa di Vale"

Il team principal della Honda: "Se ci sono dietrologie e il clima non è sereno non è colpa nostra"

"È colpa anche di Rossi se non è stata una gara serena". A lanciare l'attacco è Livio Suppo, team principal della Honda che difende Marc Marquez dalle accuse di aver fatto il "guardaspalle" di Jorge Lorenzo per consentirgli di vincere il Mondiale.

"Marc era talmente incavolato che mi ha detto: Adesso mi romperanno le palle", ha detto ai microfoni di Sky Sport, "Non è stupido, so che in Italia non ci crede nessuno, ma voleva stare davanti a Lorenzo, voleva provarci all'ultimo giro... Solo che con Pedrosa si sono disturbati a vicenda perché sono pur sempre avversari". E risponde alle accuse di Valentino Rossi e di chi grida al "biscotto": "Ci dispiace che ci siano queste dietrologie, su 18 gare abbiamo portato via punti sia all'uno che all'altro senza fare distinzioni ma il clima che si è creato, non lo abbiamo creato noi", afferma, "Abbiamo fatto il massimo ma era difficile stare sereni in questo clima. Potenzialmente, tra l'altro, Marquez e Pedrosa era i migliori alleati di Valentino ma oggi Jorge è stato più forte". Infine un nuovo attacco per quello che è successo a Sepang: ""Le traiettorie cattive le facevano in due, erano in due che non volevano mollare la posizione".

Commenti

precisino54

Lun, 09/11/2015 - 08:30

Suppo è da sempre nel mondo delle corse, che non abbia dubbi su quanto avvenuto non depone a suo favore, ho sempre pensato che per dirigere la “baracca” di una grande marchio, almeno una volta lo era, occorreva avere un numero di cogl..ni superiori alla media. Tra l’altro è nelle condizioni migliori per capire bene da dati oggettivi, telemetria e pure riscontro visivo dello stato delle gomme, ma pure comparazione tra lo stato delle due moto. Voglio solo augurarmi che nel chiuso del box dica chiaramente al suo pilota che quello non è proprio un comportamento sportivo, ma neanche rispettoso di chi lo paga profumatamente, ma solo il dissennato comportamento di chi contraddice le regole pensando di imbrogliarci con la sua faccia da angioletto!