Livorno e Sassuolo, la B può attendere Cagliari adesso trema.

I toscani battono il Bologna e oggi sarebbero salvi. Gli emiliani lasciano in fondo il Catania. Mihajlovic ko urla in spogliatoio: "Giocatori senza p..."

 

Colpi doppi per Livorno e Sassuolo in chiave salvezza. Il 28° turno mischia ancora le carte nelle zone più calde della classifica e anche il Cagliari non può sentirsi al sicuro dopo la brutta sconfitta interna contro la Lazio. Il Livorno batte il Bologna 2-1 e, se il campionato finisse oggi, sarebbe salvo. I toscani restano con un uomo in meno a dieci minuti dalla fine per l'espulsione di Mbaye per somma di ammonizioni e poi addirittura in nove all'85' per il rosso a Emeghara, che rimedia il secondo giallo per il fallo da rigore su Morleo. Dal dischetto Lazaros non sbaglia il 2-1 e nel finale il Livorno trema, ma sale così a 24 punti e scavalca il Bologna.

Vittoria e sorpasso anche per il Sassuolo ai danni del Catania, ora fanalino di coda del campionato con 20 punti a -1 dagli emiliani. Al Mapei Stadium finisce 3-1 per i neroverdi. Bergessio illude il Catania, ma nella ripresa il Sassuolo si scuote e ribalta il risultato.

Dovrà fare attenzione anche il Cagliari, battuto in casa per 2-0 dalla Lazio, inchiodato a 29 punti, e che falllisce anche un rigore con Pinilla. Sipario sul match a un quarto d'ora dal termine, quando Conti alza il gomito in un contrasto aereo con Ledesma e rimedia il secondo giallo: in 10 è davvero finita per il Cagliari.
L'Atalanta raggiunge una salvezza con largo anticipo travolgendo una Samp cui non giovano le citazione dantesche di Mihajlovic, furibondo alla fine.