Londra, ci sono falle nella sicurezza

Ad appena 15 giorni dall'inaugurazione delle Olimpiadi, è allarme sicurezza. La società appaltatrice non riesce ad addestrare tutti i vigilantes, il governo schiera altri 3500 soldati

Mancano appena 15 giorni all’inaugurazione delle Olimpiadi e a Londra è già allarme sicurezza. Ci sarebbero infatti delle falle nelle difese messe a punto per gestire l'enorme afflusso di gente che arriverà in città per i Giochi. Secondo Sky News una volta su due falsi ordigni improvvisati e armi hanno superato i controlli senza problemi nelle esercitazioni effettuate nelle scorse settimane.

Anche la G4S, la società che ha vinto un appalto da oltre 500 milioni di sterline per fornire 10mila guardie, teme che non sarà in grado di addestrarle tutte in tempo. A questo punto il governo è stato costretto a richiamare in servizio circa 3.500 soldati, alcuni da poco tornati dall’Afghanistan e che speravano in qualche settimana di riposo con le famiglie, per garantire la sicurezza dell'evento.. G4S, che ora dovrà restituire parte dei fondi che si era assicurata con il lucroso contratto, ha dichiarato di aver avuto ritardi nelle ultime fasi dell’ingaggio e che si tratta di un’impresa "senza precedenti e complessa" che viene "portata avanti in tempi molto stretti".

Al momento, G4S ha 4mila vigilantes in 100 siti olimpici, ma ne sta addestrando altri 9mila. Così i militari delle Forze armate potrebbero essere costretti a dormire in scuole e altre sistemazioni di fortuna, perchè nelle basi aeree e caserme della capitale non ci sarebbe più posto. In segno di riconoscimento, il ministro dell’Interno, Theresa May, ha promesso loro migliaia di biglietti per le gare. Certo una magra consolazione per un settore che ha subìto proprio nei giorni scorsi pesanti tagli.