Malagò: «A Sochi faremo meglio di Vancouver»

Sochi 2014 vuol dire Olimpiadi invernali, ma sarà pure l'occasione per finanziare e ristrutturare gli impianti sportivi di due scuole italiane: a Milano la piscina della Rinnovata Pizzigoni e a San Luca in Calabria, famoso per questioni di mafia, l'istituto statale San Luca-Bovalino. Coni e Samsung saranno partner ai Giochi, ma pure in questa avventura con il progetto “Ola azzurra”: registrare la propria “ola” via video e inviarla a Samsung che devolverà 5 euro in aiuto al progetto. Cinque azzurri come testimonial: il portabandiera Armin Zoeggeler, lo sciatore Christof Innerhofer, la pattinatrice di short track Arianna Fontana, lo snowboarder Omar Visintin e la sciatrice paralimpica Melania Corradini. Commento del presidente Malagò: «A Sochi speriamo di vincere più che a Vancouver. Ma non fermiamoci alle medaglie. Forse dovremo studiare un progetto sport invernali per il futuro: quelli su cui puntare e raddoppiare gli sforzi e quelli sui quali fare retromarcia».