Mancini, la Cina nel suo destino: lo vuole l'Hebei di Lavezzi e Gervinho

Mancini potrebbe già rimettersi in gioco sulla panchina di un club cinese: l'Hebei di Lavezzi, Mbia e Gervinho è interessato al tecnico jesino

Roberto Mancini non più l'allenatore dell'Inter dall'8 agosto ma, a distanza di nemmeno 20 giorni, potrebbe già rimettersi in pista e tornare sulla panchina di un club. Direttamente dall'Asia, arriva l'indiscrezione secondo cui l'ex tecnico di City, Galatasaray, Fiorentina e Lazio è entrato nel mirino della formazione cinese dell'Hebei, squadra in cui militano due vecchie conoscenze del calcio italiano: ovvero Ezequiel Lavezzi e Gervinho. In Cina ne sono certi: l'Hebei è pronto a scaricare l'attuale allenatore Li Tie, per affidarsi a Mancini e conta di chiudere questa trattativa entro e non oltre le prossime 48 ore. La prima grande alternativa al tecnico italiano, se dovesse rifiutare, è un altro grande allenatore rimasto da poco senza panchina: il cileno Manuel Pellegrini.

Mancini, dopo i tanti malumori, nel mese di luglio, con la dirigenza dell'Inter è stato sollevato dall'incarico a soli 13 giorni dall'inizio del campionato e al suo posto è arrivato Frank de Boer. L'Hebei è stato protagonista di investimenti importanti sul mercato ma attualmente naviga al quinto posto della classifica e lontano addirittura 15 punti dalla capolista Guangzhou. Mancini, dunque, potrebbe già avere la possibilità di allenare: bisognerà solo capire se avrà voglia di mettersi in gioco in un campionato in espansione ma comunque ma non ai livelli di altri tornei.