Mancini ermetico: "Inter? Non dico nulla. L'Inghilterra? Non c'è niente"

Mancini ha presenziato ad una partita benefica organizzata in favore delle vittime del terremoto, glissando sull'Inter e negando la possibilità di allenare l'Inghilterra

Roberto Mancini è tornato a Milano per allenare. L'ex tecnico dell'Inter, sollevato dall'incarico in accordo con il club nerazzurro lo scorso 8 agosto, ha presenziato ad una partita di beneficienza, al campo Villa, organizzata in favore delle vittime del terremoto del centro Italia. A margini dell'evento, Mancini ha parlato con i giornalisti presenti all'evento toccando diversi argomenti ma non volendo parlare dell'Inter:"Io oggi sono su questa panchina, per questa partita di beneficenza e mi fa molto piacere. Spero che questa partita per Amatrice, come tante altre iniziative servano perché credo che in questo momento siano le persone che soffrano di più, soprattutto i bambini".

Mancini ha poi glissato sull'Inter, ha mandato un saluto ai tifosi nerazzurri e ha negato che siano stati contatti con la nazionale ingese: "Che sensazione ho nel tornare a Milano? Bello, però fa freddo. Come in Inghilterra? Sì, ma con la nazionale inglese non c'è nulla... Cosa ne penso dell'Inter? Non ho guardato le partite perciò non ho niente da dire. Le cose belle prima o poi finiscono ma ai tifosi dell'Inter mando un forte abbraccio. Cosa farei se tornasse Moratti? Dovete chiedere a lui se vuole tornare ma io non c'entro niente con questa cosa".

Commenti

manolito

Sab, 15/10/2016 - 14:20

certo che notizie cosi sono uniche di importanza vitale --il calcio lo stanno portando a sostituire ,quasi la religione come oppio dei popoli rincretinendo i tifosi ottusi-- spettacolo??? si fasullo